Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Michael Bloomberg potrebbe candidarsi presidente degli Stati Uniti

Immagine di copertina

Secondo i media statunitensi il miliardario starebbe preparando la sua campagna come candidato indipendente

Il miliardario Michael Bloomberg, fondatore dell’azienda di mass media Bloomberg L.P. ed ex sindaco di New York tra il 2001 e il 2013, potrebbe candidarsi come presidente degli Stati Uniti come indipendente. A dirlo è il New York Times, che riporta l’indiscrezione secondo cui il miliardario avrebbe chiesto ai suoi consiglieri di preparare una strategia per una possibile campagna elettorale da indipendente.

Gli Stati Uniti sono un paese storicamente dominato da un sistema a due partiti, i Democratici e i Repubblicani, ma in vista delle elezioni che si terranno nel novembre del 2016 Bloomberg avrebbe visto uno spazio politico.

Il miliardario, infatti, è stato prima vicino al Partito Democratico, quindi ai Repubblicani, con cui è stato eletto sindaco di New York, carica cui è stato riconfermato da indipendente. Per questo, è considerato generalmente un politico liberale, moderato e indipendente che può potenzialmente prendere voti da entrambi i grandi partiti.

Lo spazio politico sarebbe nato dalla possibilità di una candidatura debole da parte dei democratici come quella di Hillary Clinton, che ultimamente è data in forte discesa nei sondaggi, tanto che potrebbe essere messa in seria difficoltà dal suo sfidante Bernie Sanders, uno degli esponenti più a sinistra del partito.

I Repubblicani, invece, hanno come favorito Donald Trump, miliardario dalle posizioni estreme che potrebbero spaventare molti elettori moderati.

L’ultima candidatura fuori dagli schieramenti ad aver superato il 10 per cento alle elezioni presidenziali statunitensi è stata quella del miliardario Ross Perot, che nel 1992 ottenne come indipendente il 18,9 per cento dei consensi. Nel 1996 provò a candidarsi nuovamente, fermandosi all’8,4 per cento.

L’ultimo candidato fuori dai due grandi partiti a riuscire addirittura a vincere in almeno uno stato è stato George Wallace: questo episodio risale addirittura al 1968.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa