Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brasile: spende i soldi per le cure del figlio malato in prostitute, droghe e alcol

Immagine di copertina

L'uomo è stato arrestato dalla polizia in una suite di un albergo a 5 stelle

Brasile: spende i soldi per le cure del figlio malato in prostitute, droghe e alcol

Spende i soldi, destinati alle cure del figlio di 19 mesi gravemente malato, in prostitute, droghe e alcol.

L’incredibile vicenda è avvenuta in Brasile all’inizio del mese di luglio, ma si è conclusa il 22 luglio scorso con l’arresto dell’uomo, il quale, dopo aver sperperato i soldi, aveva fatto perdere le sue tracce.

Secondo quanto ricostruito da alcuni giornali inglesi, Mateus Alves, di 37 anni, è stato arrestato il 22 luglio a Salvador, ne nord est del Brasile, dove si trovava in una suite di un albergo a cinque stelle, che affaccia sul mare.

L’uomo è accusato di aver rubato migliaia di dollari da quattro conti di risparmio, aperti per le cure di João Miguel, di 19 mesi, il secondo figlio dell’uomo, affetto da una rara malattia neuromuscolare degenerativa.

I soldi erano stati raccolti grazie ai risparmi e alle generose donazioni di amici e parenti nei confronti del piccolo, il quale necessita di cure molto costose per poter sopravvivere.

Il bambino, infatti, ha bisogno di sei cicli di iniezioni di un farmaco, lo Spinraza, che non viene passato dal servizio sanitario nazionale.

Nonostante questo, il padre ha pensato bene di depredare i conti per cominciare a sperperare i soldi tra donne, alcol e droghe.

Secondo quanto riferito dalla polizia, infatti, Mateus ha affermato di aver speso soldi in donne, bevande e droghe, mentre, al momento dell’arresto, sembra stesse pianificando di aprire un bordello a Salvador.

L’uomo, inoltre, ha dichiarato di essere stato ricattato da alcuni spacciatori, ma gli agenti hanno affermato che non vi sono prove che dimostrino questa tesi.

La moglie Karine, con la quale Matias ha anche un altro figlio di 10 anni, è ancora sotto shock per quello che è accaduto. La donna, ovviamente, non riesce a credere a quanto fatto dal coniuge.

Karine ha affermato che l’uomo è sempre apparso devoto e amorevole nei confronti del figlio malato e che il suo comportamento è davvero inspiegabile. Ora, amici e parenti si stanno stringendo attorno alla donna per aiutarla ad affrontare le cure del piccolo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan