Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Sparatoria nella sede di YouTube in California: un morto e quattro feriti

Immagine di copertina
Usa, spari nella sede di YouTube in California.

Una donna 39enne, videoblogger e attivista per i diritti degli animali, ha aperto il fuoco negli uffici e poi si è uccisa: tra i feriti c'è il suo fidanzato

Una persona è morta e quattro sono rimaste ferite in una sparatoria nella sede di YouTube a San Bruno, in California. Intorno alle 13 ora locale (le 22 italiane) del 3 aprile 2018 una donna armata di pistola ha aperto il fuoco all’interno degli uffici e poi si è sparata, uccidendosi.

S&D

Secondo le autorità statunitensi la donna è Nasim Aghdam, 39 anni, video blogger e attivista per i diritti degli animali residente a San Diego, in California.

Nella sparatoria sono rimaste ferite tre persone, di cui una in modo grave, mentre una quarta si è infortunata alla caviglia mentre tentava di fuggire.

Secondo quanto riferisce la tv americana Cbs, uno dei feriti è il fidanzato della donna, un uomo di 36 anni, mentre le altre due persone ferite sono due donne di 32 e 27 anni.

Nasim Aghdam avrebbe fatto irruzione nella sala adibita al pranzo dei dipendenti puntando una persona in particolare, presumibilmente il fidanzato.

Il capo della polizia di San Bruno ha riportato che la donna che è stata trovata morta nell’edificio e il decesso sarebbe stato causato da una “ferita da arma da fuoco autoinflitta”.

Nasim Aghdam gestiva quattro canali su Youtube e ce l’aveva con l’azienda per alcuni mancati pagamenti sulla pubblicità veicolata attraverso i video che postava.

Il padre della donna, Ismail Aghdam, ha rivelato di aver avvertito la polizia che la figlia avrebbe potuto colpire YouTube perché “odiava” la compagnia.

L’uomo ha raccontato che lunedì 2 aprile 2018 aveva denunciato la scomparsa della figlia, che non rispondeva al telefono da due giorni.

Martedì 2 aprile la polizia di Mountain View aveva telefonata alla famiglia avvertendo che la donna era stata trovata a dormire in una macchina.

La portavoce della polizia di Mountain View, Katie Nelson, ha confermato la circostanza e ha detto che Nasim Aghdam aveva rifiutato di rispondere alle domande degli agenti.

sparatoria youtube sede california
Nasim Aghdam gestiva quattro canali su Youtube

Testimoni presenti sul poso hanno detto di aver visto molti impiegati fuggire dal quartier generale.

La polizia, che è intervenuta sul posto, ha detto di aver ricevuto diverse chiamate d’emergenza al numero 911 dalla sede di YouTube per una sparatoria in corso.

Un impiegato di YouTube ha detto che diversi colleghi stavano cercando di lasciare il palazzo il prima possibile.

I mezzi di soccorso si sono subito recati sul posto. Alla notizia di quanto stava accadendo gli uffici nelle vicinanze sono stati chiusi.

Il quartier generale di YouTube si trova nel nord della California. YouTube è di proprietà di Google, che sta cercando di ottenere informazioni sull’accaduto.

Presso la sede di YouTube a San Bruno lavorano circa 1.700 persone.

L’amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, ha parlato di “un orribile atto di violenza” e ha assicurato che l’azienda sta facendo tutto il possibile per sostenere le vittime e le loro famiglie.

Anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è intervenuto: “I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con tutti coloro che sono rimasti coinvolti. Grazie ai nostri fenomenali funzionari delle forze dell’ordine e primi soccorritori”, ha scritto il presidente in un tweet.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini