Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Sparatoria in una clinica a Colorado Springs

Immagine di copertina

Tre morti e nove feriti nel centro medico Planned Parenthood che era stato oggetto in passato di proteste degli anti-abortisti

Nella giornata di venerdì 27 novembre un uomo ha aperto il fuoco con un fucile all’interno di una clinica abortiva dell’organizzazione no-profit Planned Parenthood nella città di Colorado Springs, in Colorado, uccidendo tre persone e ferendone altre nove, secondo quanto dichiarato dalle autorità.

Il capo della polizia di Colorado Springs Peter Carey ha detto che un poliziotto e due civili sarebbero morti nell’attacco. Ha anche aggiunto che i nove sopravvissuti, cinque agenti di polizia e quattro civili, sono stati dichiarati in buone condizioni.

L’aggressore si è arreso agli agenti dopo quasi cinque ore dall’inizio dell’attacco e a seguito di uno scontro a fuoco con la polizia.

L’uomo si era barricato all’interno della struttura sanitaria dopo aver fatto irruzione intorno alle 20 ora italiana della sera di venerdì e aver preso numerose persone in ostaggio all’interno dell’edificio.

La polizia ha confermato l’identità del sospettato, si tratta di un uomo bianco di  57 anni di nome Robert Lewis Dear.

La clinica di Colorado Springs era stata oggetto in passato di ripetute proteste di attivisti anti-aborto.

La Planned Parenthood, che offre una vasta gamma di servizi sanitari inclusa l’interruzione della gravidanza, è stata oggetto nei mesi scorsi a forti attacchi da parte dei conservatori nel Congresso che volevano tagliare i finanziamenti all’organizzazione no-profit da parte del governo federale.

Il presidente americano Obama, informato della sparatoria da Lisa Monaco, consigliere del Dipartimento di sicurezza nazionale, ha detto che dopo la sparatoria in Colorado gli Stati Uniti “devono fare qualcosa in merito al facile accesso alle armi”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol