Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Elezioni regionali in Galizia e Paesi Baschi: crollano i socialisti, bene i popolari di Rajoy

Immagine di copertina

La Spagna da mesi vive in una situazione di stallo istituzionale con i partiti che non riescono a formare una coalizione di governo e potrebbe tornare al voto a dicembre

Le elezioni regionali di domenica 25 settembre in Galizia e Paesi Baschi in Spagna hanno rafforzato il partito popolare del premier in funzione Mariano Rajoy e hanno assestato un duro colpo ai socialisti, ma probabilmente non eviteranno nuove elezioni generali a dicembre.

Due inconclusive elezioni generali nel dicembre del 2015 e a giugno 2016 hanno determinato mesi di negoziati infruttuosi tra i partiti politici per la formazione di una coalizione di governo, costringendo il paese a nuove elezioni.

I risultati definitivi delle elezioni in Galizia hanno assegnato ai popolari la maggioranza assoluta dei seggi. Nei Paesi Baschi, come previsto, hanno vinto i nazionalisti, seguiti dagli indipendentisti.

Il partito socialista spagnolo nei Paesi Baschi è stato superato dalla sinistra di Podemos, mentre in Galizia ha ottenuto lo stesso numero di seggi del partito di Pablo Iglesias.

I deludenti risultati rendono ancora più difficile per Pedro Sanchez, leader di un partito con 137 anni di storia, di formare una coalizione con Podemos, nel quale sono confluiti gli attivisti del movimento anti-austerità degli Indignados, o con i centristi di Ciudadanos.

La sconfitta di domenica indebolisce Pedro Sanchez e potrebbero aprire una guerra interna alla dirigenza socialista, in vista della riunione del partito il prossimo primo ottobre.

I socialisti finora si sono astenuti dal votare la fiducia a Mariano Rajoy, ma non è ancora chiaro se dopo il meeting cambieranno la loro posizione prima che vengano indette le terze elezioni generali in un anno.

Elezioni nelle quali, secondo i sondaggi, i Popolari del primo ministro in funzione Mariano Rajoy mancheranno ancora una volta di pochissimo la maggioranza assoluta per formare un governo senza bisogno di trovare un partner di coalizione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie.
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie.
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Biden: sosterremo Kiev fino alla fine
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Esteri / La super-testimone mette nei guai Trump: “Voleva andare a Capitol Hill e unirsi alla folla armata”
Esteri / Usa, Instagram e Facebook rimuovono post che promuovono le pillole abortive