Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Spagna, la polizia trova 67 chili di cocaina nascosta negli ananas al mercato

Immagine di copertina
Gli ananas venivano dal Costa Rica.

Un video mostra la polizia gettare gli ananas del mercato a terra soltanto per trovarci dentro della cocaina

La polizia spagnola ha trovato 67 chili di cocaina nascosta dentro a degli ananas al MercaMadrid, il secondo mercato del pesce più grande al mondo, nel cuore della capitale spagnola.

Su internet è apparso, con il simbolo ufficiale della polizia nazionale spagnola e del ministero dell’Interno del Paese, un video che mostra dei poliziotti nell’atto di gettare a terra e distruggere gli ananas soltanto per trovarci dentro dei cilindri perfettamente conservati colmi di cocaina.

Gli ufficiali di polizia hanno dovuto aprire in due ogni singolo ananas per trovare i pacchetti della pericolosa droga. I frutti erano stati svuotati e riempiti con questi cilindri prima di essere poi ricomposti, coprendo il contenuto con una cera o una paraffina giallastra per camuffare l’odore della droga.

Ognuno dei cilindri conteneva tra gli 800 e i 7mila grammi di cocaina, ed è stato affermato che la polizia ha trovato un totale di 67 chili.

Gli ananas erano stati spediti dal Costa Rica ed erano passati per il porto portoghese di Setùbal prima di arrivare tra i banchi del MercaMadrid.

In seguito all’intervento della polizia sono state arrestate tre persone a Madrid e quattro a Barcellona, sospettate di aver avuto a che fare con il contrabbando di droga. L’investigazione è ancora in corso.

Leggi ancheÈ stato scoperto un tunnel da 180 metri che collega il Messico a un KFC negli Stati Uniti

Secondo la stampa locale non è la prima volta che viene trovata della droga tra la frutta dei mercati di Madrid, ma quella di usare gli ananas sarebbe una tattica recente ideata dai trafficanti per contrabbandare la merce in un modo insospettabile.

Già a gennaio 2018, a Lisbona erano stati ritrovati addirittura 745 grammi della stessa sostanza, la maggior parte nascosti dentro a degli ananas con la stessa modalità impiegata anche questa volta a Madrid.

Tra gli altri posti bizzarri dove la polizia ha trovato droga in passato si contano protesi mammarie, parrucche, sedie a rotelle, gessi per gambe rotte e batterie di pentole.

Ecco il video del ritrovamento al grande mercato di Madrid:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”