Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

India, tre sorelle si uccidono per scampare ai mariti violenti: “Meglio morire che sopportare torture quotidiane”

Immagine di copertina

Tre sorelle si uccidono per scampare alle torture dei mariti violenti

Hanno preferito uccidersi piuttosto che continuare a subire le torture dei mariti violenti: è quanto accaduto in India, nello Stato del Rajasthan, a tre sorelle 20enni, le quali si sono suicidate insieme ai rispettivi figli.

“Meglio morire davvero, che sopportare torture quotidiane”: è questo il drammatico messaggio inviato su Whatsapp da una delle tre vittime prima di uccidersi. “Ce ne andiamo, così tutti saranno felici. La ragione della nostra scelta sono i nostri parenti acquisiti” ha scritto ancora la donna.

Le sorelle, di 27, 23 e 20 anni, figlie di genitori indigenti, erano state date come mogli ad altrettanti fratelli appartenenti a una famiglia benestante di proprietari terrieri.

La più grande, che si era sposata per prima, aveva cercato di tornare a casa dei genitori, implorando il padre di non dare in sposa le sue sorelle ai suoi due cognati. Le tre, infatti, venivano picchiate oltre che dai rispettivi mariti, anche dai familiari degli uomini.

Cinque anni fa, proprio la sorella maggiore era finita in ospedale con gravi ferite, motivo per cui aveva denunciato il marito. Rientrata a casa, però, le violenze erano addirittura aumentate. Le tre sorelle, quindi, hanno visto nella morte l’unica via d’uscita per scampare ai soprusi e alle violenze dei mariti, scegliendo di coinvolgere anche i loro figli.

La più grande, infatti, si è gettata in un pozzo insieme al suo bambino di quattro anni e a un neonato di tre settimane, mentre le altre due erano entrambe incinta. Dopo la loro morte, i mariti e tutti i componenti della loro famiglia sono stati arrestati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraia, missili su palazzo a Odessa: almeno 17 morti. Stoltenberg: "Più armi pesanti per rafforzare Kiev"
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraia, missili su palazzo a Odessa: almeno 17 morti. Stoltenberg: "Più armi pesanti per rafforzare Kiev"
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Biden: sosterremo Kiev fino alla fine
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Esteri / La super-testimone mette nei guai Trump: “Voleva andare a Capitol Hill e unirsi alla folla armata”