Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un nuovo sondaggio dà Macron in vantaggio al primo turno delle presidenziali francesi

Immagine di copertina

Secondo la rilevazione, il candidato centrista supererebbe la leader nazionalista Marine Le Pen anche al secondo turno con il 65 per cento dei voti

Un sondaggio di Harris Interactive per la televisione francese dà il candidato centrista Emmanuel Macron in vantaggio in vista delle prossime elezioni presidenziali in Francia. L’indagine, pubblicata il 9 marzo, gli attribuisce un possibile 26 per cento dei voti al primo turno del 23 aprile.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Lo segue a ruota nel sondaggio la leader nazionalista Marine Le Pen il cui partito potrebbe convincere il 25 per cento dei votanti. Il gradimento di Macron è cresciuto di sei punti percentuali rispetto al precedente sondaggio soprattutto per effetto della presentazione del suo manifesto elettorale e del supporto ricevuto da Francois Bayrou, storico deputato cattolico.

Anche lo scandalo che ha investito la famiglia di Francois Fillon per presunti pagamenti ricevuti con fondi pubblici sembra aver favorito l’ascesa di Macron. Il candidato del centrodestra non riuscirebbe secondo il sondaggio a sfondare il muro del 20 per cento, rimanendo quindi fuori dalla seconda tornata elettorale.

Per quanto riguarda i possibili risultati del ballottaggio, Macron è dato per vincitore con il 65 per cento dei voti a fronte del 35 per cento per Le Pen. Anche in questo caso il dato per il leader centrista è in salita rispetto alle rilevazioni precedenti.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco