Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I soldati israeliani hanno ucciso un palestinese dopo un attacco con coltello

Immagine di copertina

L'ondata di attacchi sembrava essersi esaurita, ma negli ultimi due giorni si sono verificati 4 episodi. Israele sotto accusa per uso eccessivo della forza

Le forze armate israeliane hanno reso noto di aver ucciso un palestinese che aveva aggredito con un coltello e ferito un soldato in Cisgiordania, sabato 17 settembre 2016.

Una portavoce militare ha riferito che l’attacco di sabato è avvenuto durante un controllo di routine nella città di Hebron e che in risposta i soldati hanno aperto il fuoco uccidendo l’aggressore. Il soldato è stato invece trasportato in ospedale.

Venerdì, altri tre palestinesi coinvolti in tre episodi simili a Gerusalemme Est e nei territori occupati in Cisgiordania erano stati uccisi dalle forze armate israeliane.

L’ondata di attacchi di questo tipo, cominciata circa un anno fa, sembrava essersi esaurita ma gli ultimi due giorni hanno provato il contrario.

La maggior parte di queste aggressioni, iniziate a ottobre del 2015, sono compiute da singoli individui e sono episodi non collegati tra loro, perciò impossibili da prevedere e prevenire.

Almeno 215 palestinesi sono morti in Cisgiordania, Gerusalemme Est e Striscia di Gaza in incidenti violenti, ma solo 144 di loro sono stati identificati dalle autorità israeliane come autori di aggressioni, mentre gli altri sono morti nel corso di scontri e proteste.

Il bilancio delle vittime israeliane invece è di 33, cui si aggiungono due americani.

I palestinesi accusano Israele di fare un uso eccessivo della forza e hanno fatto notare che molte delle persone uccise su due piedi non rappresentavano una minaccia e potevano essere neutralizzate in modo diverso.

Inoltre, sostengono che gli autori degli attacchi hanno agito in preda alla disperazione per il collasso dei colloqui di pace nel 2014 e la continua espansione degli insediamenti israeliani nei territori palestinesi.

Israele accusa invece la leadership palestinese di incitare alla violenza ed essere la causa indiretta di tutte queste vittime israeliane e palestinesi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"