Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:19
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Come mandare una cartolina in un paese dove non esistono indirizzi

Immagine di copertina

La Mongolia, stato in cui molte case sono prive di indirizzo, adotterà un metodo di geolocalizzazione creato da una startup che assegna a ogni luogo un semplice codice

Il nostro indirizzo è un’informazione che siamo tenuti a
dare in moltissime occasioni: per compilare moduli, per
aprire un conto, per ricevere posta, o ancora per segnalare un’emergenza alle
autorità. Eppure, per quanto non sia così noto, circa il 75 per cento della
popolazione mondiale (pari a circa 4 miliardi di persone) non è in grado di
fornire quest’informazione, perché moltissimi luoghi del pianeta non prevedono
una numerazione esatta per un’identificazione immediata di un’abitazione.

Proprio per ovviare a questo problema, nelle prossime
settimane la Mongolia, tramite il suo ufficio postale nazionale, inizierà a
fare uso di un nuovo e originale sistema di localizzazione per identificare vie
e numeri civici.

Si tratta di un metodo ideato da una startup britannica
chiamata What3Words, che assegna un gruppo di tre parole diverso per ogni
spazio di 9 metri quadrati del pianeta, sicuramente meno complesso da ricordare
di una serie di coordinate GPS.

Si tratta di parole comuni unite in modo casuale, ma ogni
combinazione corrisponde a uno e a un solo luogo del mondo: per esempio, la
Casa Bianca, al 1600 di Pennsylvania Avenue, diventa sulk.held.raves, e lo
Stade de France corrisponde a reporter.smoked.received.

La Mongolia sarà il primo stato a utilizzare il sistema per
la consegna della posta perché ci sono troppo poche strade con un proprio nome
sul suo territorio di oltre 1,5 milioni di chilometri quadrati: al momento, quando
le persone non hanno un indirizzo, la soluzione è recarsi verso un punto di
raccolta rivolto a più destinatari.

Attraverso il nuovo sistema creato da What3Words, il governo spera di migliorare questa condizione, che già viene adottata dalle Nazioni Unite, e che può essere liberamente consultata attraverso il sito della startup, in cui è possibile anche inserire il proprio indirizzo e vedere a quale gruppo di parole corrisponderebbe nel sistema in questione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale