Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Siria sprofonda nel buio

Immagine di copertina

Immagini satellitari rivelano che dopo quattro anni di guerra civile si è spento l'83 per cento delle luci del Paese

Duecentomila morti, oltre tre milioni di rifugiati e un terzo della popolazione sfollata: questa è la Siria a quattro anni dall’inizio della guerra civile.

Una Siria che sta sprofondando nell’oscurità, letteralmente.

Attraverso alcune immagini satellitari rilasciate oggi, quest’oscurità diventa visibile. Gli scienziati dell’Università di Wuhan in Cina, in collaborazione con la coalizione globale #WithSyria, formata da 130 organizzazioni umanitarie e di difesa dei diritti umani, hanno analizzato una serie di immagini satellitari che dimostrano che dal marzo del 2011 ad oggi, il numero di luci visibili di notte in Siria sono diminuite dell’83 per cento.

“Le immagini satellitari sono la fonte di dati piú oggettiva per mostrare la devastazione della Siria su scala nazionale”, dichiara il dottor Xi Li, direttore di ricerca del progetto. ‘‘Riprese a distanza di 800km dalla superficie, le immagini ci aiutano a capire la sofferenza e la paura vissute dai siriani comuni ogni giorno mentre il paese viene distrutto attorno a loro”.

La Siria vista dal satellite nel Marzo del 2011

L’analisi di queste immagini riflette l’effetto della guerra sulle infrastrutture del Paese, le perdite umane e il numero crescente di sfollati. Tutto questo è più evidente intorno ad Aleppo, a nord, vicino al confine con la Turchia, dove si è spento il 97 per cento delle luci. Nel 2011, è illuminatissima. Quattro anni più tardi, si intravede a malapena.

Il 96 per cento delle luci si son invece spente a Raqqa, da due anni roccaforte dello Stato Islamico. A Homs, teatro di sanguinose battaglie tra l’esercito siriano arabo – che attualmente controlla la città – e l’esercito siriano libero, le luci spente sono l’87 per cento.

Le uniche eccezioni sono le province di Damasco, che ospita la residenza del Presidente Bashar al-Assad, e Quneitra, vicino alla frontiera israeliana, dove il declino osservato nei livelli di illuminazione è, rispettivamente, del 35 e 47 per cento, quindi ben inferiore alla media.

La Siria vista dal satellite nel Febbraio del 2015

La comunità internazionale continua a fallire nella ricerca di una soluzione politica concreta che ponga fine alla violenza e alla sofferenza del popolo siriano. #WithSyria ha lanciato una petizione e una campagna online per ricordare ai leader del mondo che urge una soluzione.

“A quattro anni dall’inizio della crisi, il popolo siriano è stato gettato nel buio: indigenti, impauriti e costernati per la perdita di amici e del paese che conoscevano”, dichiara David Miliband, presidente e direttore esecutivo del Comitato Internazionale di Soccorso. “I siriani meritano molto di piú dalla comunità internazionale – è da tempo arrivata l’ora di mostrare che non rinunceremo e che lavoreremo con loro per riaccendere le luci”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto, maxi incendio in stazione della polizia a Ismalia: 100 feriti. Si temono vittime
Esteri / Israele, scarcerato l’italo-palestinese Khaled El Qaisi: era in prigione dal 31 agosto
Esteri / Spagna: incendio in discoteca, almeno 13 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto, maxi incendio in stazione della polizia a Ismalia: 100 feriti. Si temono vittime
Esteri / Israele, scarcerato l’italo-palestinese Khaled El Qaisi: era in prigione dal 31 agosto
Esteri / Spagna: incendio in discoteca, almeno 13 morti
Esteri / Ankara, attentato vicino all’edificio del Parlamento: ci sono almeno 2 feriti
Esteri / Musk lancia la crociata contro le Ong e attacca la Germania: “Con i migranti viola la sovranità dell’Italia, è un’invasione”
Esteri / Fronte Nagorno Karabakh: l’altra guerra (dimenticata) d’Europa
Esteri / Saluto nazista all’Oktoberfest: due 24enni italiani fermati a Monaco di Baviera
Esteri / Destinazione Europa: il cimitero dei migranti sulle rotte degli orrori in Africa
Esteri / Caos Africa: il continente è in subbuglio ma l’Europa pensa solo ai migranti
Esteri / Françafrique, David Martin (Survie) a TPI: “L’impero coloniale francese non è mai morto”