Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

A che punto è la lotta contro l’Isis in Siria

Immagine di copertina

Le forze di Damasco procedono verso al-Bab, assediata da ribelli e soldati turchi, ma si combatte anche nella provincia di Homs e in quella di Raqqa

L’esercito siriano avanza verso l’ultima roccaforte del sedicente Stato islamico nella provincia di Aleppo, tagliando la principale via di approvvigionamento della cittadina di al-Bab. L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha reso noto il 6 febbraio 2017 che le forze governative hanno ottenuto il controllo di Tell Uwayshiya, un collina a 9 chilometri a sudest di al-Bab, conquistando così una postazione che consente di monitorare il traffico sulla sottostante strada che collega il centro aleppino a Raqqa, la capitale dell’Isis in Siria.

Ma al-Bab è anche circondata dalle forze ribelli e da quelle turche loro alleate. Non è chiaro se le truppe di Damasco intendano competere con loro per la riconquista della cittadina, considerata da tutte le parti in gioco una preda ambita. Il governo guidato da Bashar al-Assad ha denunciato il sostegno di Ankara all’offensiva ribelle, denominato operazione Scudo dell’Eufrate, lanciata ad agosto 2016 per liberare l’area di confine tra Siria e Turchia dalla presenza jihadista.

Nonostante questo, tra il principale alleato di Assad, la Russia, e la Turchia è stata stretta un’alleanza proprio sul dossier siriano, e le rispettive aeronautiche hanno condotto raid congiunti proprio su al-Bab.

Intanto si combatte anche nella provincia di Homs dove le forze governative si sono scontrate con l’Isis per il controllo del pozzo petrolifero di Hayyan, a ovest di Palmira, mentre l’alleanza di combattenti curdi e arabi sostenuta dagli Stati Uniti ha lanciato una nuova fase nell’offensiva per isolare Raqqa. Le Forze democratiche siriane hanno annunciato sabato 4 febbraio che intendono conquistare le aree a est della città, inclusa la strada principale che conduce alla provincia di Deir ez-Zor, anch’essa sotto il controllo quasi totale dell’Isis.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”