Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È morto il fratello del bambino della foto di Aleppo

Immagine di copertina

Alì Daqneesh, dieci anni, è deceduto in ospedale tre giorni dopo il bombardamento della sua casa, per le gravi ferite riportate

La foto Omran Daqneesh, il bambino siriano estratto vivo dalle macerie diventato uno dei simboli della guerra in Siria, ha fatto letteralmente il giro del mondo. Quel bambino alto poco più di un metro, completamente ricoperto di polvere e sangue si è salvato per miracolo dalle bombe che mercoledì hanno colpito la sua abitazione.

La stessa sorte non è toccata a suo fratello maggiore, Alì Daqneesh, dieci anni, che non è riuscito a sopravvivere. Il bambino è morto tre giorni dopo il raid aereo che ha raso al suolo il condominio nel quale la famiglia Daqneesh viveva, a causa delle gravi ferite riportate. 

Alì stava giocando fuori dalla sua casa con un gruppo di amici quando quest’ultima è stata colpita. Omran e i suoi genitori in quel momento si trovavano invece all’interno dell’appartamento, situato al primo piano, nell’istante in cui tutto è crollato dopo una forte esplosione. 

Alì ha riportato delle gravi ferite a un fianco ed è stato trasportato d’urgenza all’ospedale, insieme ai suoi genitori e ai fratelli feriti lievemente, ma non ce l’ha fatta. È morto sabato 20 agosto, secondo quanto hanno riferito gli attivisti di Aleppo. 

Un gruppo di opposizione locale ha postato anche una foto di Alì che lo mostrava disteso su un letto di ospedale, con delle ferie al volto, privo di conoscenza e attaccato a un respiratore.

Mentre alcuni attivisti, come ha riportato il Guardian, hanno scritto un messaggio online per ricordare la tragedia che ha colpito la famiglia Daqneesh: “Omran è diventato il simbolo della sofferenza di Aleppo, ma per la maggior parte delle persone è solo un simbolo. Alì, purtroppo è la realtà. Nessuna storia in Siria ha un lieto fine”. 

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, le vittime civili dei bombardamenti russi hanno superato per la prima volta i morti civili per mano dell’Isis. 

Il ragazzo era stato inizialmente estratto vivo dalle macerie, e trasportato all’ospedale, ma dopo tre giorni di agonia si è spento. Si dispera il padre di Omran e Alì, ricordando il momento esatto in qui tutto è crollato. Era seduto sul divano con accanto Omran quel giorno, mentre sua moglie e le sue due figlie erano in casa. 

A un certo punto l’esplosione. “È molto doloroso vedere i propri figli scomparire sotto le macerie di cemento, e sperare che siano ancora vivi”, ha raccontato il padre in un’intervista. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"