Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Siria, il ministro Esteri russo: “colloqui in corso per corridoi umanitari” a Idlib

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO

Il 7 settembre a Teheran si terrà il terzo summit tra Iran, Russia e Turchia sulla situazione in Siria

Il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ha annunciato che sono in corso “colloqui per creare corridoi umanitari” nella provincia siriana di Idlib, oggetto di un’imminente offensiva del governo di Damasco contro l’ultima roccaforte dei ribelli non finanziati dall’Occidente.

Lavrov ha anche rivelato che il terzo summit del processo di Astana tra Iran, Russia e Turchia, previsto per il 7 settembre, si terrà a Teheran e non a Tabriz. Al vertice si discuterà anche dell’offensiva su Idlib, l’ultima roccaforte dei ribelli non finanziati dall’Occidente in Siria.

Il ministro degli Esteri russo ha detto che Mosca non ha intenzione “di nascondere il proprio ruolo” nell’offensiva sulla provincia di Idlib e che Damasco “ha il pieno diritto di espellere i terroristi al di fuori del suo territorio”.

Il Cremlino si è detto disponibile a “discutere la creazione di un corridoio umanitario” nella provincia.

“I nostri contatti con Washington continuano per evitare qualsiasi incidente in Siria”, ha detto Lavrov, che ha aggiunto di avere inviato le prove alle Nazioni Unite e all’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) del tentativo dei “terroristi” di condurre attacchi chimici in Siria per dare un pretesto ai paesi occidentali di intervenire contro il governo di Damasco.

L’offensiva contro provincia settentrionale di Idlib trova al momento l’opposizione della Turchia, secondo cui tale operazione sarebbe “disastrosa”, un’opinione condivisa anche dal segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

Francia, Regno Unito e Stati Uniti hanno avvertito il regime siriano che risponderanno militarmente a eventuali attacchi chimici condotti da Damasco nell’area.

Mosca ha fatto sapere di avere le prove del tentativo dei “terroristi” di condurre attacchi chimici in Siria per dare un pretesto ai paesi occidentali di intervenire contro il governo di Damasco.

Staffan de Mistura, inviato speciale in Siria del segretario generale delle Nazioni Unite, ieri aveva riconosciuto che la maggior parte dei miliziani di al-Qaeda o di altri gruppi fondamentalisti islamici presenti in Siria si trovano nella provincia settentrionale di Idlib, dove potrebbero operare fino a “10mila terroristi”.

Il diplomatico italo-svedese ha poi chiesto a Russia, Iran e Turchia di “cercare di evitare un’escalation militare” e di permettere ai civili di abbandonare l’area, dove sono presenti già oltre 2 milioni di sfollati in una provincia che conta almeno 4 milioni di abitanti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Macron non esclude l’invio di caccia a Kiev
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Macron non esclude l’invio di caccia a Kiev
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Esteri / La Cina accusa gli Stati Uniti per la guerra in Ucraina: “Hanno innescato la crisi e ora la stanno alimentando”
Esteri / L’imprenditore Usa che vuole tornare 18enne (con 2 milioni l’anno): in due anni l’età è “scesa” di 5
Esteri / Capsula radioattiva smarrita in Australia, tecnici della Rio Tinto e autorità locali alla ricerca: “È molto pericolosa”
Esteri / “Per colpire il Regno Unito con un missile ci vuole un minuto”: la minaccia di Putin a Boris Johnson
Esteri / Messico, influencer napoletano scambiato per un narcos: "Rinchiuso in una stanza buia"
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri