Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Siria, 37 civili bruciati vivi in Ghouta est

Immagine di copertina
L'enclave ribelle della Ghouta orientale è sotto assedio dal 18 febbraio 2018.

Denunciati attacchi sulla città di Arbin con l'uso di bombe al napalm: tra le vittime "numerosi bambini e donne"

Almeno 37 civili sono rimasti uccisi “bruciati vivi” il 22 marzo 2018 in Ghouta est, enclave ribelle della Siria assediata da oltre un mese dalle forze fedeli al governo del presidente Bashar al-Assad.

A riferirlo all’agenzia di stampa turca Anadolu sono state fonti dei cosiddetti Caschi bianchi, gli uomini e le donne della Siryan Civil Defence, un’organizzazione fondata nel 2013 per aiutare le vittime del conflitto siriano.

Secondo la fonte, a seguito di diversi bombardamenti condotti dal regime, sono stati compiuti attacchi sulla città di Arbin con l’uso di bombe al napalm, che hanno “bruciato vive” le vittime.

L’attacco ha preso di mira un rifugio in un quartiere residenziale. Tra le vittime ci sono “numerosi bambini e donne”. Il bilancio delle vittime è ancora provvisorio.

All’inizio della settimana, gli stessi Caschi bianchi avevano denunciato che un attacco aereo condotto dall’aviazione siriana su Arbin avrebbe provocato la morte di decine di civili, tra cui 15 bambini.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, tre missili avevano colpito una scuola, facendola crollare su un sotterraneo usato come rifugio.

Le forze fedeli ad Assad controllano ormai oltre l’80 per cento della Ghouta orientale, dove dal 18 febbraio sono rimasti uccisi oltre 1.500 civili, tra cui oltre 300 bambini, mentre si contano più di 5mila feriti.

Oltre 80mila persone hanno abbandonato negli scorsi giorni l’enclave attraverso i corridoi umanitari istituiti dalle forze russe e da quelle di Damasco.

Il 22 marzo 2018 uno dei restanti gruppi ribelli siriani, Faylaq al-Rahman, ha annunciato di aver concordato un cessate il fuoco nell’enclave del Ghouta orientale, alla periferia est di Damasco. La tregua è entrata in vigore alle 22.00 ora locale del 22 marzo 2018.

Il 22 marzo 2018 i primi ribelli siriani sconfitti e le loro famiglie hanno iniziato a lasciare il 22 marzo 2018 l’enclave, nell’ambito di un accordo raggiunto tra gli insorti e il governo di Damasco.

Circa 1.500 combattenti della fazione di Ahrar al-Sham, oltre 6mila civili si sono trasferiti dal sobborgo di Harasta alla provincia settentrionale di Idlib, controllata dai ribelli.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La direttrice di Russia Today: “O la Russia vince in Ucraina o le cose andranno male per tutta l’umanità”
Esteri / Russia, Medvedev stronca il piano italiano per la pace in Ucraina: “Basato su menzogne”
Esteri / Cnn, immagini satellitari mostrano navi russe portare via il grano ucraino dalla Crimea
Ti potrebbe interessare
Esteri / La direttrice di Russia Today: “O la Russia vince in Ucraina o le cose andranno male per tutta l’umanità”
Esteri / Russia, Medvedev stronca il piano italiano per la pace in Ucraina: “Basato su menzogne”
Esteri / Cnn, immagini satellitari mostrano navi russe portare via il grano ucraino dalla Crimea
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Ci avevano dato 3 giorni, abbiamo resistito 3 mesi". Medvedev: "Piano di pace italiano basato su menzogne"
Esteri / Fa 8.000 chilometri per raggiungere una ragazza conosciuta su Tinder
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky a Davos: "Stop totale a commercio con la Russia". 007 ucraini: "Putin sfuggito a un attentato due mesi fa". Ergastolo per primo soldato russo a processo
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto