Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ora è certo che in Siria sono state usate armi chimiche

Immagine di copertina

L'evento risale ad agosto del 2015 nella cittadina di Marea, vicino Aleppo, e riguarda scontri tra ribelli e Isis. Scomparse anche 65mila persone dall'inizio della guerra

Il gas letale iprite è stato utilizzato ad agosto 2015 nei combattimenti tra i gruppi ribelli in Siria e l’Isis, secondo quanto rivelato dagli ispettori dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac).

L’iprite è stato usato nella cittadina di Marea, vicino ad Aleppo, il 21 agosto del 2015. Secondo gli ispettori, questa sarebbe la prima conferma concreta dell’utilizzo di armi chimiche in Siria.

“Siamo stati in grado di avere conferma dei fatti, ma non siamo riusciti a identificare i responsabili”, è quanto ha detto uno degli esperti all’agenzia stampa Afp.

Non è chiaro chi effettivamente abbia fatto uso di armi chimiche nei combattimenti, ma è invece certo l’utilizzo di gas letale iprite nel conflitto tra ribelli e Isis.

Il rapporto era ancora confidenziale quando l’Afp ne è entrata in possesso ed è stato inviato a tutti gli stati appartenenti all’Opac. Questo sarà discusso alla fine di novembre all’Aia.

La segnalazione per il possibile utilizzo dell’iprite era partita da un ospedale di Medici senza frontiere vicino ad Aleppo che aveva curato alcune persone sopravvissute a un attacco presumibilmente fatto con un gas tossico.

L’iprite è un gas asfissiante inventato in Germania e utilizzato durante la prima guerra mondiale. Il gas è stato vietato nel 1993.

Nel settembre 2013, dopo che centinaia di persone erano state uccise in un attacco col gas sarin nella periferia della capitale, Damasco, il governo siriano di Bashar al-Assad ha accettato di distruggere tutte le armi chimiche in suo possesso dopo aver firmato un accordo con gli Stati Uniti e la Russia.

La situazione in Siria continua a essere critica, i negoziati di pace sono in corso, ma il governo siriano non è stato coinvolto.

Un rapporto di Amnesty international denuncia la scomparsa di 65mila persone in Siria dal 2011 all’agosto 2015, che sarebbe attribuibile al governo di Bashar al-Assad.

Le stime delle Nazioni unite dicono che dall’inizio della guerra civile nel 2011 sono morte 200mila persone e 14 milioni hanno dovuto abbandonare le loro case.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo