Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quali sono le sfide della Francia dopo la vittoria di Macron

Immagine di copertina

I risultati delle elezioni nascondono una nazione divisa che deve affrontare la prepotente voglia di rivincita del Front National e dei partiti tradizionali. Il commento

La vittoria di Emmanuel Macron, ampiamente annunciata se pure più consistente del previsto (a Parigi ha raggiunto il 90 per cento dei consensi), non nasconde uno dei problemi-chiave che la Francia dovrà affrontare nel breve futuro.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La Francia è una nazione profondamente divisa con un presidente che non ha una base elettorale solida. Non dispone di un vero partito (En Marche! è sostanzialmente una geniale start up che gli ha consentito di vincere proprio grazie al crollo del bipolarismo e della crisi profonda dei partiti tradizionali). E soprattutto con le imminenti elezioni legislative il paese si troverà di fronte alla prepotente voglia di rivincita non tanto del Front National (che pure ha raggiunto un record di consensi mai immaginato prima nonostante la teatrale sconfitta), quanto di quelle formazioni – come i socialisti e i Républicains – che sono usciti al primo turno ma che hanno abbondantemente portato acqua al mulino del giovane tecnocrate liberale.

Ora già si mormora nelle retrovie della politica francese che Macron dovrà onorare certe cambiali e al tempo stesso deludere molti fra amici e sostenitori che si erano illusi di avere un posto di riguardo nel parterre de roi. Si prevede un gabinetto ristretto a sedici ministri, premier compreso, con assoluta parità fra uomini e donne.

L’affermazione di En Marche!, la momentanea messa in angolo del pericolo lepenista consentiranno tuttavia alla Francia e all’Europa di riprendere un dialogo interrotto e meno viziato dallo spettro del populismo e dal timore che anche nel vecchio continente il vento anti-establishment che ha portato Trump alla Casa Bianca e il Regno Unito alla Brexit soffiasse vittorioso anche sui cieli della Francia.

Sarà un’occasione preziosa per Parigi ma anche per Bruxelles, costrette dal soffio vorticoso della Storia a rimodellare il proprio identikit, perché questa è sostanzialmente la scommessa: riformare la Francia per riformare l’Europa, ricreare quell’asse con Berlino e con Roma che può imprimere alla Ue quell’inversione di marcia che ne scongiuri il declino.

Macron promette che lo slancio che lo ha portato alla vittoria sarà ancora più forte nel cambiare il volto della Francia e della macchina dello Stato. Il giovane leader tuttavia sa bene che non deve farsi illusioni. “Milioni di patrioti hanno votato per te! Vincerai la prossima volta e anch’io vincerò!”, si è congratulato con Bleu-Marine l’olandese Geert Wilders, mentre il leader dell’Ukip Nigel Farage profetizza: “La vittoria di Macron significa altri 5 anni fallimentari, più poteri all’Unione Europea e il mantenimento dei confini aperti: se Marine resiste, può vincere nel 2022”. 

Anche Marine Le Pen vuole cambiare, anzi deve, è costretta. Cambierà nome al movimento, cambierà tattica, forte di quei quasi 12 milioni di francesi che l’hanno votata. Vorrebbe un partito di opposizione forte abbastanza da tenere sulla corda il Paese e di poter vincere le elezioni del 2022. Ma anche lei dovrà fare i conti con la nomenklatura del Front National: alla vigilia già si dava per scontato che se fosse scesa sotto il 40 per cento avrebbe dovuto dimettersi. Ha preso solo il 35 per cento e da questo punto di vista la sua è una sconfitta bruciante.

I giorni che verranno diranno se Bleu-Marine sarà ancora il condottiero di un movimento in forte crescita ma senza alcuna chance di arrivare in vetta. Un primato tuttavia lo ha già messo a segno: quello di guidare la principale forza di opposizione, superando anche il terzo inquietante partito, quello dell’astensione.

— LEGGI ANCHE: Chi è Emmanuel Macron

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid