Covid ultime 24h
casi +19.644
deceduti +151
tamponi +177.669
terapie intensive +79

Sessanta persone sono morte in una rivolta scoppiata in un carcere brasiliano

All’origine della sommossa ci sarebbe stato lo scontro tra le due principali gang di prigionieri, legate ai trafficanti di droga. Diversi detenuti sono stati decapitati

Di TPI
Pubblicato il 2 Gen. 2017 alle 16:54 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:30
0
Immagine di copertina

Lo scontro scoppiato il primo gennaio tra due gang rivali in un carcere del Brasile ha scatenato una sommossa terminata in un bagno di sangue. Circa 60 persone hanno perso la vita e sei cadaveri sono stati trovati decapitati.

All’origine della ribellione nel carcere Anisio Jobin a Manaus, nella regione amazzonica del Brasile, durata diciassette ore, ci sarebbe stata una rissa tra gang rivali, il Primeiro Comando da Capital e la Familia do Norte, la prima legata ai trafficanti di droga di San Paolo, la seconda al Commando rosso di Rio de Janeiro.

Gli scontri tra le due principali bande di detenuti sono frequenti e sanguinosi. Un anno fa è stata interrotta la tregua tra di loro e negli ultimi mesi le prigioni brasiliane sono tornate a essere un campo di battaglia.

Secondo il segretario di Pubblica sicurezza di Amazonas, Sergio Fontes, il bilancio potrebbe aggravarsi nelle prossime ore e non è stato ancora possibile stabilire il numero di quanti carcerati siano riusciti a fuggire durante la sommossa.

La testa decapitata di alcuni prigionieri è stata lanciata fuori dalle mura del penitenziario. Dodici guardie carcerarie sono state tenute in ostaggio dai detenuti in rivolta prima che la polizia in tenuta antisommossa riuscisse a sedare la ribellione.

Il sistema carcerario brasiliano, con prigioni sovraffollate e sommosse periodiche dei detenuti, è criticato dalle associazioni per la difesa dei diritti dei detenuti.

In alcuni video diffusi online dal quotidiano Em Tempo di Manaus è possibile vedere la situazione all’interno del penitenziario alla fine della rivolta: sangue ovunque, e cadaveri ammucchiati sul pavimento della prigione.

Quella di domenica è stata una delle sommosse più sanguinose dopo la ribellione nella prigione Carandiru a San Paolo, in cui morirono 111 detenuti, la maggior parte negli scontri con la polizia.

— LEGGI ANCHE: Le carceri brasiliane senza guardie né armi

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.