Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Serbia ha deportato un gruppo di russi sospettati del tentato golpe in Montenegro

Immagine di copertina

In Serbia e nel vicino Montenegro sono stati sventati due presunti complotti per assassinare i primi ministri che stanno traghettando i due paesi verso occidente

La Serbia ha deportato un gruppo di cittadini russi sospettati di essere coinvolti nella presunta cospirazione per uccidere il primo ministro del Montenegro. Lo rende noto il quotidiano britannico Guardian venerdì 11 novembre 2016.

Secondo quanto emerso di recente, i membri del presunto complotto avevano stabilito di fare irruzione nel parlamento di Podgorica indossando uniformi della polizia, uccidere il premier Milo Djukanovic e instaurare un governo filorusso.

Un gruppo di venti persone di nazionalità serba e montenegrina, alcuni dei quali avevano combattuto accanto ai separatisti in Ucraina, sono stati arrestati nella capitale montenegrina, mentre nella vicina Serbia la polizia ha fermato alcuni cittadini russi in possesso di 120mila euro e uniformi delle forze speciali.

Secondo le fonti diplomatiche interpellate dal Guardian, i russi sarebbero stati discretamente rimpatriati dopo l’intervento del presidente del consiglio russo per la sicurezza, Nikolai Patrushev, che avrebbe sottolineato come il complotto non fosse in alcun modo appoggiato dal Cremlino.

In realtà, il ministro dell’Interno serbo Nebojsa Stefanovic nega che l’operazione sia mai avvenuta, ma che in Serbia circoli una certa apprensione è confermato dal ritrovamento di armi nei pressi dell’abitazione del primo ministro serbo, Aleksander Vucic. 

Secondo Stefanovic, una banda criminale sarebbe stata assoldata per uccidere Vucic in cambio di un compenso di 10 milioni di euro, ma non si è espresso su chi potrebbe essere il committente.

Insomma, ben due presunti complotti per eliminare i primi ministri di due paesi che uscendo dall’orbita russa intendono entrare nell’Unione europea, ma nulla prova che siano due eventi correlati e tanto meno che Mosca sia in qualche modo coinvolta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti