Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Segregato per quattro anni in un capanno senza bagno e senza cucina: cibo avariato in cambio del lavoro

Immagine di copertina
Credirs: Solent

È stato trattato come uno schiavo da una coppia che viveva in una villa milionaria. Quando la polizia è intervenuta ha arrestato i coniugi per "riduzione in schiavitù"

Una villa da un milione e mezzo di euro nel quartiere dei vip. Priptal Binning, 56 anni, docente universitaria e il marito Palvinder, 54 anni, vivevano in una casa da sogno nell’Hampshire. Ma per 4 anni hanno tenuto segregato nel capanno del giardino un uomo polacco, che in cambio dei lavori domestici riceveva cibo e “alloggio”.

L’uomo, un 40enne, è andato alla locale polizia di Chilworth, a nord di Southampton per denunciare le condizioni in cui era costretto a vivere dai suoi datori di lavoro.

Dormiva su un lettino prendisole, in un locale senza bagno e con frigo e postazione barbecue come cucina. Ogni giorno era la coppia a portargli il cibo, spesso scaduto, in cambio del lavoro svolto.

Sono stati gli stessi agenti il 30 ottobre 2018 a verificare le dichiarazioni dell’uomo, andando nella villa dei Binning. Il racconto del polacco corrispondeva al vero: nel capanno, privo di servizi igienici, solo un frigo e tanti sacchi di plastica.

La professoressa, docente di Scienze della salute all’Università di Southampton, è stata arrestata insieme al marito per riduzione in schiavitù.

“Nessuno dovrebbe essere costretto a vivere in condizioni così disgustose”, ha detto Tony Byrne, a capo della Gangmasters and labour abuse authority, che si occupa proprio delle violazioni dei diritti dei lavoratori.

L’uomo è entrato quindi nel programma governativo nazionale di supporto alle vittime della schiavitù e del traffico di esseri umani.

Secondo Byrne ci sono “diverse prove che confermano le parole della vittima. Non solo le condizioni del capanno nel giardino, ma anche i diversi lavoretti effettuati in casa”.

Byrne ha poi ringraziato il Servizio nazionale per la salute, che ha compreso subito il disagio dell’uomo e ha segnalato la situazione alle autorità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio