Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Secondo il governo eritreo non ci sono stati morti durante le proteste ad Asmara

Immagine di copertina

Il governo eritreo ha risposto formalmente ai media internazionali che riportavano notizie di alcuni morti deceduti durante le proteste avvenute nella capitale Asmara nella giornata di martedì 31 ottobre.

Il governo eritreo, tramite il ministro dell’Informazione, Yemane Ghebre Meskel, ha categoricamente escluso che le manifestazioni abbia causato la morte di qualcuno.

In alcuni tweet pubblicati da Meskel, il ministro ha criticato l’ex reporter della BBC, Martin Plaut, per aver riportato notizie false. Secondo Meskel, i rapporti che parlano di morti e feriti durante le manifestazioni di Asmara sono stati diffusi da “gruppi sovversivi e traditori con base in Etiopia e collegati al governo di Addis Abeba”.

L’emittente tedesca Deutsche Welle (DW), citando fonti dell’opposizione all’estero al dittatore eritreo Isaias Afwerki, aveva parlato di almeno 28 persone rimaste uccise e altre decine ferite durante gli scontri con le forze di sicurezza.

Il corrispondente in Etiopia per l’agenzia di stampa Associated Press, Elias Meseret Taye, citando fonti dell’opposizione, aveva invece parlato di almeno 20 persone uccise.

Le proteste erano partite da una scuola islamica di Asmara, la Diae Al Islam, un’istituzione finanziata da una comunità della città che non gradisce interferenze esterne nella regolamentazione della didattica.

Alcuni video delle manifestazioni erano stati pubblicati su internet e, secondo quanto riferito dall’ambasciata statunitense di Asmara e dal servizio in lingua tigrina della BBC, la polizia avrebbe sparato in aria per disperdere la folla.

Secondo l’emittente britannica, i militari eritrei hanno poi fermato un numero imprecisato di persone durante la notte tra martedì 31 ottobre e mercoledì 1 novembre.

Le manifestazioni erano legate all’arresto del preside della scuola, il 90enne Hajj Musa Mohammed Nur.

Allora, il ministro Meskel, aveva descritto l’incidente come “una piccola manifestazione in una scuola di Asmara, dispersa e senza feriti”.

L’Eritrea si è resa indipendente dall’Etiopia nel 1993. I due paesi non hanno ancora ratificato l’accordo sui confini firmato ad Algeri tra il dittatore eritreo, Isaias Afwerki e l’ex primo ministro etiope, Meles Zenawi.

Asmara non ha una costituzione e diverse organizzazioni internazionali hanno accusato le autorità eritree di violare i diritti umani, con detenzioni senza processo, omicidi e torture. Nel paese inoltre non esistono media indipendenti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, la variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, la variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia