Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un secondo carico di aiuti umanitari è arrivato a Daraya in Siria

Immagine di copertina

Si tratta della prima consegna di cibo e farine agli abitanti della città assediata dalle forze governative. In precedenza erano stati distribuiti solo medicinali

Un convoglio carico di aiuti alimentari è entrato nella città di Daraya controllata dalle forze governative a ovest di Damasco. Lo hanno reso noto venerdì 10 giugno fonti della Mezzaluna Rossa siriana, citati dall’agenzia AFP. 

“Nove camion sono entrati nella città assediata pronti a scaricare generi alimentari, merci secche, farine, ma anche aiuti non alimentari e medici”, ha annunciato il direttore operativo della Mezzaluna Rossa in Siria, Tamam Mehrez. “Ma il carico sarà sufficiente per un mese per coprire le necessità di almeno 8mila abitanti che vivono nella città sotto assedio”, ha precisato Mehrez. 

Si tratta della prima effettiva consegna di aiuti alimentari nella città di Daraya sotto assedio dal 2012. Un primo carico di aiuti umanitari era stato inviato all’inizio di giugno, ma si trattava solo di una quantità ridotta di medicine e di altri generi non alimentari. Mentre, il carico giunto venerdì nella città di Daraya portava anche cibo e farine.

La città di Daraya è stata la prima dove si segnalarono i primi focolai di protesta contro il governo di Bashar al-Assad. 

Nel mese di aprile, le Nazioni Unite hanno reso noto che almeno 4mila persone sono state costrette a vivere sotto assedio delle forze governative siriane nella città di Daraya. 

Mentre, giovedì 9 giugno, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan de Mistura, ha dichiarato che il governo siriano aveva dato il permesso per la consegna di aiuti umanitari in 19 zone assediate, dove si stima vivano almeno 600mila persone. 

“Non ci sono molti residenti in attesa di convogli, perché non credono più nelle promesse”, ha dichiarato un abitante di Daraya citato da AFP. “E proprio a causa dei bombardamenti sulla città, la gente ha paura a uscire di casa e riunirsi in gruppi”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Esteri / Biden annuncia lo stop ai brevetti sui vaccini: "Tempi straordinari richiedono misure straordinarie"
Esteri / Facebook conferma il bando di Trump. Il tycoon sfida il social e lancia la sua piattaforma: “La pagheranno”
Esteri / Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito
Esteri / Affari e petrolio: Total finanzia da anni la giunta militare in Myanmar
Esteri / Insetti da mangiare: l'Ue autorizza il consumo alimentare delle tarme della farina
Esteri / Israele, Netanyahu non forma il governo: scaduto il mandato