Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un secondo carico di aiuti umanitari è arrivato a Daraya in Siria

Immagine di copertina

Si tratta della prima consegna di cibo e farine agli abitanti della città assediata dalle forze governative. In precedenza erano stati distribuiti solo medicinali

Un convoglio carico di aiuti alimentari è entrato nella città di Daraya controllata dalle forze governative a ovest di Damasco. Lo hanno reso noto venerdì 10 giugno fonti della Mezzaluna Rossa siriana, citati dall’agenzia AFP. 

“Nove camion sono entrati nella città assediata pronti a scaricare generi alimentari, merci secche, farine, ma anche aiuti non alimentari e medici”, ha annunciato il direttore operativo della Mezzaluna Rossa in Siria, Tamam Mehrez. “Ma il carico sarà sufficiente per un mese per coprire le necessità di almeno 8mila abitanti che vivono nella città sotto assedio”, ha precisato Mehrez. 

Si tratta della prima effettiva consegna di aiuti alimentari nella città di Daraya sotto assedio dal 2012. Un primo carico di aiuti umanitari era stato inviato all’inizio di giugno, ma si trattava solo di una quantità ridotta di medicine e di altri generi non alimentari. Mentre, il carico giunto venerdì nella città di Daraya portava anche cibo e farine.

La città di Daraya è stata la prima dove si segnalarono i primi focolai di protesta contro il governo di Bashar al-Assad. 

Nel mese di aprile, le Nazioni Unite hanno reso noto che almeno 4mila persone sono state costrette a vivere sotto assedio delle forze governative siriane nella città di Daraya. 

Mentre, giovedì 9 giugno, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan de Mistura, ha dichiarato che il governo siriano aveva dato il permesso per la consegna di aiuti umanitari in 19 zone assediate, dove si stima vivano almeno 600mila persone. 

“Non ci sono molti residenti in attesa di convogli, perché non credono più nelle promesse”, ha dichiarato un abitante di Daraya citato da AFP. “E proprio a causa dei bombardamenti sulla città, la gente ha paura a uscire di casa e riunirsi in gruppi”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce