Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Prete del Tennessee vieta i libri di Harry Potter: “Gli incantesimi sono veri”

Il parroco americano sostiene che, letti da un essere umano, gli incantesimi potrebbero evocare spiriti malvagi

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 3 Set. 2019 alle 12:59 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 01:50
0
Immagine di copertina

Una scuola cattolica del Tennessee vieta i libri di Harry Potter

Il reverendo della scuola cattolica di St Edward a Nashville, nel Tennessee, vieta la distribuzione dei sette libri della saga di Harry Potter nella biblioteca della scuola. A farlo sapere è una comunicazione diffusa dallo stesso reverendo tra le famiglie di genitori, pubblicata dal quotidiano locale The Tennessean.

“Questi libri – si legge nella comunicazione – presentano la magia sia come bene che come male, il che non è vero, è anzi un astuto inganno. Gli incantesimi e le fatture usate nel testo sono veri, e letti da un essere umano rischiano di evocare spiriti malvagi alla presenza del lettore”, continua la nota.

Accio“, “wingardium Leviosa“, “crucio“, “imperio“, “Stupeficium“: occhio a chi ha letto o pronunciato queste parole

Per il reverendo, dunque, le formule degli incantesimi non solo minerebbero la fede nei valori cristiani inducendo i bambini a credere nella magia nera, ma potrebbero provocare delle vere reazioni, come se fossero vere.

Da quando il primo episodio della saga del mago di Hogwards è stato pubblicato nel 1997, decine di gruppi religiosi hanno cercato di ostacolare la popolarità del libro, perché ritenevano fosse un’esaltazione della magia e dell’occulto, che avrebbe spinto le nuove generazioni verso il paganesimo, minando i valori cristiani e sollecitando la curiosità verso la magia, gli incantesimi e la superstizione.

Una donna acquista un’edizione rara di Harry Potter a un euro e ne guadagna 30 mila

Intanto, la saga di Harry Potter ha venduto oltre 500 milioni di copie, è stata riadattata in otto pellicole ed ha ispirato la creazione di parchi divertimento e giochi. E forse proprio per la sua estrema visibilità ha spaventato i più conservatori.

Nel 2011 un pastore del New Mexico organizzò una cerimonia per bruciare i libri, ma la biblioteca comunale rispose esponendo in vetrina tutti gli episodi di Harry Potter pubblicati fino ad allora con un messaggio: “Tranquilli ragazzi, Harry è vivo e sta bene”.

La Chiesa cattolica non si è mai pronunciata sul tema, ma per l'”Osservatore romano”, Harry Potter sarebbe un modello sbagliato per i più piccoli, anche se gli adattamenti cinematografici della saga sarebbero per la rivista cattolica accettabili per aver trovato “una linea di demarcazione tra bene e male”.

Intanto, per quanto riguarda la scuola di Nashville, per il sovraintendente della diocesi è il reverendo ad avere l’ultima parola in assenza di  una posizione ufficiale del Vaticano, ma i genitori degli studenti saranno sempre liberi di far leggere Harry Potter tra le mura di casa, tra incantesimi e ocus pocus.

Harry Potter, la reunion tra Emma Watson e Tom Felton fa impazzire il web

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.