Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

È stato scoperto un continente sprofondato sotto l’oceano Indiano

Immagine di copertina

Una ricerca pubblicata su Nature mostra l'evidenza della presenza di un'antica placca di crosta continentale, sprofondata 80 milioni di anni fa

I ricercatori dell’università sudafricana del Witwatersrand hanno pubblicato uno studio sulla rivista scientifica Nature dove mostrano prove convincenti della presenza di un antico continente sul fondo dell’oceano Indiano, vicino alle isole Mauritius. 

Mauritia, ottanta milioni di anni fa, era un continente grande come l’Italia settentrionale, schiacciato tra l’India e il Madagascar. Prima della nascita della catena montuosa dell’Himalaya sarebbe andato in frantumi, a causa dei movimenti tettonici. Proprio questa disgregazione delle isole che poggiavano su una placca di crosta continentale ha reso la ricerca più ardua.

Nel 2013 Lewis Anthal, che ha guidato il team di scienziati nella scoperta, aveva ipotizzato che l’arcipelago delle Mauritius poggiasse su un continente sommerso, chiamato appunto Mauritia. Sebbene le isole dello stato africano in questione abbiano solo 8 milioni di anni, sulle spiagge erano state trovati alcuni zirconi, datati due miliardi di anni. Questo indizio, unita all’anomala forza gravitazionale delle Mauritius, ha rafforzato l’ipotesi della presenza di un continente sommerso, i cui frantumi venivano espulsi dai vulcani.

“Sono come la plastilina: quando i continenti  si tendono e diventano più sottili, si spezzano”, ha dichiarato Martin Van Der Kranendock, dell’Università del Nuovo Galles del Sud. “È questa l’origine dei piccoli pezzi di crosta che affondano nell’oceano”. 

La ricerca di antichi continenti è in continua evoluzione, con ipotesi simili che sono fatte per alcuni fondali vicino all’Islanda e all’Australia Occidentale. Conoscere come è nato il nostro pianeta è un requisito fondamentale per poterlo proteggere, oggi e in futuro. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Israele: Idf, sale a 240 il bilancio delle vittime militari a Gaza. Mar Rosso, Houthi annunciano attacco a petroliera Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Israele: Idf, sale a 240 il bilancio delle vittime militari a Gaza. Mar Rosso, Houthi annunciano attacco a petroliera Usa
Esteri / Reportage TPI – Non solo Gaza: viaggio nell’altra guerra ai palestinesi nei Territori occupati di cui nessuno parla
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Esteri / Gaza, Lula non si scusa ma insiste: "Non è una guerra ma un genocidio"
Esteri / G7 a Kiev, Macron “snobba” Meloni: “Impegnato con gli agricoltori”. E convoca un altro vertice a Parigi