Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gli scontri a fuoco a Brazzaville, nella Repubblica del Congo

Immagine di copertina

Sono state erette barricate nelle piazze di Brazzaville. Nel quartiere Makelekele è stato dato alle fiamme la sede del municipio e tre stazioni di polizia

Scontri a fuoco hanno scosso Brazzaville, la capitale della Repubblica del Congo, dopo un mese di relativa calma in seguito alla rielezione del presidente Denis Sasso Nguesso dello scorso 20 marzo. 

I combattimenti tra le forze di sicurezza e uomini armati della milizia “Ninja”, è stata uno degli episodi più violenti che ha colpito Brazzaville dal 1997, quando Sassou Nguesso era tornato al potere dopo mesi di guerriglia urbana tra gruppi di miliziani rivali, tra i quali la stessa milizia “Ninja”. Nguesso in precedenza aveva governato il paese dal 1979 al 1992. 

Testimoni hanno raccontato che nella capitale, i giovani sostenitori dell’opposizione hanno intonato cori come “Sassou, vattene!”, Sono inoltre state erette barricate in piazze centrali della città e nel sud di Brazzaville, nel quartiere Makelekele, è stato dato alle fiamme la sede del municipio e tre stazioni di polizia. 

Gli scontri a fuoco sono scoppiati nei quartieri roccaforte dell’opposizione, Makelekele e Bacongo. 

Centinaia di residenti del sud di Brazzaville hanno lasciato le loro case e si sono spostati nel nord della città. Secondo i media congolesi, i responsabili degli scontri sarebbero gli oppositori del presidente Nguesso, coloro che si erano opposti alla sua rielezione dello scorso 20 marzo.

I candidati dell’opposizione sostengono che le elezioni siano state una frode e hanno invocato una campagna di disobbedienza civile. 

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto di aver ricevuto numerose segnalazioni di irregolarità dopo le elezioni e ha criticato la decisione del governo di tagliare tutte le telecomunicazioni, compresi i servizi Internet durante il voto e nei giorni seguenti. 

— LEGGI ANCHE: Il governo del Congo sospende le telecomunicazioni per le elezioni presidenziali

Il presidente della Repubblica del Congo è stato rieletto

 


Ti potrebbe interessare
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti
Esteri / Nord Stream, 007 Russia: “Prove coinvolgimento Occidente in attacchi”. Grande nuvola di metano su Norvegia e Svezia
Esteri / Guerra in Ucraina, le intercettazioni dei soldati russi: “Putin è un idiota. Ci ordinano di uccidere tutti”
Esteri / Non solo il velo: la rivolta in Iran assume le dimensioni di una vera lotta di classe
Esteri / Afghanistan, attentato in una scuola di Kabul: almeno 19 morti e 27 feriti
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo