Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli scontri a fuoco a Brazzaville, nella Repubblica del Congo

Immagine di copertina

Sono state erette barricate nelle piazze di Brazzaville. Nel quartiere Makelekele è stato dato alle fiamme la sede del municipio e tre stazioni di polizia

Scontri a fuoco hanno scosso Brazzaville, la capitale della Repubblica del Congo, dopo un mese di relativa calma in seguito alla rielezione del presidente Denis Sasso Nguesso dello scorso 20 marzo. 

I combattimenti tra le forze di sicurezza e uomini armati della milizia “Ninja”, è stata uno degli episodi più violenti che ha colpito Brazzaville dal 1997, quando Sassou Nguesso era tornato al potere dopo mesi di guerriglia urbana tra gruppi di miliziani rivali, tra i quali la stessa milizia “Ninja”. Nguesso in precedenza aveva governato il paese dal 1979 al 1992. 

Testimoni hanno raccontato che nella capitale, i giovani sostenitori dell’opposizione hanno intonato cori come “Sassou, vattene!”, Sono inoltre state erette barricate in piazze centrali della città e nel sud di Brazzaville, nel quartiere Makelekele, è stato dato alle fiamme la sede del municipio e tre stazioni di polizia. 

Gli scontri a fuoco sono scoppiati nei quartieri roccaforte dell’opposizione, Makelekele e Bacongo. 

Centinaia di residenti del sud di Brazzaville hanno lasciato le loro case e si sono spostati nel nord della città. Secondo i media congolesi, i responsabili degli scontri sarebbero gli oppositori del presidente Nguesso, coloro che si erano opposti alla sua rielezione dello scorso 20 marzo.

I candidati dell’opposizione sostengono che le elezioni siano state una frode e hanno invocato una campagna di disobbedienza civile. 

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto di aver ricevuto numerose segnalazioni di irregolarità dopo le elezioni e ha criticato la decisione del governo di tagliare tutte le telecomunicazioni, compresi i servizi Internet durante il voto e nei giorni seguenti. 

— LEGGI ANCHE: Il governo del Congo sospende le telecomunicazioni per le elezioni presidenziali

Il presidente della Repubblica del Congo è stato rieletto

 


Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane