Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Scioperano i piloti Lufthansa: oltre 100mila passeggeri a terra

Immagine di copertina

La protesta durerà 48 ore: chiedono un aumento di stipendio e contestano i piani di ristrutturazione della compagnia aerea

La compagnia aerea tedesca Lufthansa ha cancellato circa 900 voli a causa del fallimento della trattativa con il sindacato dei piloti, che perciò ha indetto lo sciopero.

La protesta è iniziata mercoledì 23 novembre e proseguirà anche il giorno successivo. Coinvolgerà circa 100mila passeggeri, costretti a restare a terra, e costerà alla compagnia aerea alcuni milioni di euro.

Non sono invece coinvolti i voli delle altre compagnie controllate da Lufthansa: Eurowings (che ha scioperato ieri cancellando 60 voli), Swiss, Austrian Airlines e Brussels Airlines.

Martedì 21 novembre Lufthansa aveva fatto ricorso per bloccare lo sciopero, ma i tribunali del lavoro di Francoforte e di Hesse hanno respinto l’appello della compagnia aerea.

Si tratta del quattordicesimo sciopero dei piloti dall’inizio della vertenza salariale nell’aprile 2014. Il sindacato rivendica aumenti degli stipendi e contesta le linee guida del piano di ristrutturazione dell’azienda che prevede il trasferimento di parte dell’attività alla low cost Eurowings.

Le trattative tra il sindacato e la compagnia aerea sono fallite a inizio novembre. Il sindacato chiedeva un aumento del 3,7 per cento sullo stipendio dei 5.400 piloti, ma Lufhtansa ha offerto un aumento del 2,5 per cento.

L’azienda si è tuttavia detta “pronta a riprendere le trattative in qualsiasi momento” e ad aprire un tavolo di mediazione.

Sulla situazione del trasporto aereo è intervenuto anche il ministro dei Trasporti tedesco Alexander Dobrindt, che ha sottolineato come il Governo tedesco voglia dare alle compagnie spazio per investimenti e posti di lavoro.

Dobrindt, secondo quanto riporta Bloomberg, ha anche detto che il budget tedesco per il 2017 prevede una riduzione per le compagnie delle tariffe per il controllo del traffico aereo di oltre 200 milioni di euro, con lo scopo di migliorare la loro competitività.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema
Esteri / Hamas: "La guerra non è l'ultimo round contro Israele". Anera riprende le attività a Gaza
Esteri / Vaccini, l’Europarlamento boccia la proposta di creare il “Cern della Salute” per tutelare l’interesse pubblico
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema
Esteri / Hamas: "La guerra non è l'ultimo round contro Israele". Anera riprende le attività a Gaza
Esteri / Vaccini, l’Europarlamento boccia la proposta di creare il “Cern della Salute” per tutelare l’interesse pubblico
Esteri / È morto O. J. Simpson, l'ex campione di football americano aveva 76 anni
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Fonti intelligence: “Imminente l'attacco dell’Iran”. Biden assicura: “Proteggeremo Israele”. Wall Street Journal: “Si teme gran parte degli ostaggi a Gaza siano morti”
Esteri / Biden: “La politica di Netanyahu su Gaza è un errore. Israele accetti tregua unilaterale di sei-otto settimane". Cnn: "Hamas ha detto che non riesce a rintracciare 40 ostaggi per l’accordo”
Esteri / Clima, la CEDU condanna la Svizzera
Esteri / Isis minaccia attentati negli stadi durante i quarti di finale di Champions League
Esteri / Gaza: i morti salgono a 33.360, quasi 76mila i feriti. Scoppia la guerra commerciale tra Ankara e Tel Aviv. Borrell: "Non esiste una soluzione militare". Iran, la Marina Pasdaran: "La presenza di Israele negli Emirati Arabi è una minaccia"