Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il più grande porto britannico fermo per sciopero

Immagine di copertina

Da ieri, domenica 21 agosto, i 1900 portuali di Felixstowe, il più grande scalo merci della Gran Bretagna, iniziano uno sciopero di otto giorni per un’aumento dei loro salari, erosi da un’inflazione che raggiunge il 10%. “Nel 2020, il porto di Felixstowe ha realizzato profitti da 61 milioni di sterline mentre la sua azienda madre (la CK Hutchison Holding, ndr) ne ha distribuite 99 milioni ai suo azionisti. Entrambe le aziende hanno dato priorità alla realizzazione di profitti e dividendi multimilionari piuttosto che al pagamento di un salario dignitoso ai propri lavoratori”, ha scritto Sharon Graham, la segretaria del sindacato Unite, il più grande in Gran Bretagna e in Irlanda.

Per evitare la mobilitazione votata un mese fa con il 92% dei voti favorevoli, il datore di lavoro ha proposto un aumento del 7% più 500 sterline. Non è bastato: i lavoratori reclamano il 10%, un aumento proporzionale all’inflazione, a fronte dei due miliardi di sterline di profitti guadagnati dalla holding proprietaria. La mobilitazione si inserisce in un clima di conflitto predominante nel Paese. La settimana scorsa Londra è rimasta paralizzata dallo sciopero nazionale dei trasporti che ha implicato 40mila lavoratori. Dall’altro lato della Manica, sale la pressione tra i portuali tedeschi di Amburgo, impegnati in lunghe negoziazioni che non danno segni di miglioramento, facendo presagire aria di sciopero.

A fronte del clima nell’isola che ha visto la crisi dell’ex premier conservatore Boris Johnson, si sentono già accuse di presunte manipolazioni ad opera del sindacato. Intervistato da Sky News uno scioperante controbatte “Non c’entra nulla con la strategia nazionale (del sindacato). È una cosa che sta accadendo qui, al livello locale, e che riflette ciò che sta succedendo altrove. In tutto il Paese la gente si sente come noi, per questo sembra un’azione coordinata, perché tutti stiamo giungendo alle stesse conclusioni: basta così, non sopporteremo oltre”.

È il primo sciopero del porto dal 1989. I picchetti saranno occupati fino alle 22 di ogni giorno. Gli impatti dello sciopero dei portuali potrebbero essere molto forti, trattandosi del principale snodo dell’export dell’industria inglese. Il gruppo Russel ha previsto che 80 milioni di sterline di beni (soprattutto tessili e digitali) potrebbero essere colpiti dal blocco di Felixstowe.

Ti potrebbe interessare
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Ti potrebbe interessare
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima