Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Schiave a Londra

Immagine di copertina

La polizia ha liberato tre donne che vivevano in schiavitù da più di trent’anni. In un normalissimo quartiere londinese

La polizia di Londra ha liberato tre donne da una casa nel sud della città, dove erano detenute in regime di schiavitù da almeno 30 anni.

I fatti sono avvenuti a Lambeth, sobborgo nel sud-ovest della capitale britannica. Gli aguzzini sono un uomo e una donna, entrambi di 67 anni. Scotland Yard aveva avviato le indagini dopo aver ricevuto una segnalazione da parte di Freedom Charity, un’organizzazione che si occupa per lo più di abusi sui minori, che era stata a sua volta contattata da una delle donne segregate.

Le vittime sono una malese di 69 anni, un’irlandese di 57 e una ragazza britannica di 30 anni, che avrebbe vissuto tutta la sua vita in schiavitù. Tra di loro non ci sarebbero relazioni precedenti. Secondo le forze dell’ordine, al momento della liberazione le donne erano «profondamente traumatizzate».

L’ispettore Kevin Hyland della Metropolitan Police’s Human Trafficking Unit, ha dichiarato alla BBC: «Abbiamo visto alcuni casi in cui le persone sono state detenute per dieci anni, ma non abbiamo mai visto nulla di questa portata prima d’ora».

Secondo quanto raccontato da Hyland, una delle donne sarebbe stata spinta a contattare Freedom Charity proprio dalla visione in tv di un documentario sulla schiavitù.

Come ha raccontato la fondatrice di Freedom Charity, Aneeta Prem, le tre donne «vivevano in una normalissima casa, in una normalissima strada» e avevano più volte detto di essere “terrorizzate” e di “sentirsi in estremo pericolo”. Con loro si era instaurata una serie di contatti e conversazioni telefoniche, attraverso cui gli operatori dell’organizzazione sono riusciti a convincerle a uscire di casa – dove c’era la polizia ad attenderle.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Poliziotto adesca una minore online, la rapisce e stermina la sua famiglia: ucciso dai colleghi
Esteri / “Rinviati senza motivo i colloqui sui controlli agli armamenti nucleari”: l’accusa degli Usa alla Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia contro il Papa: “È perversione”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Poliziotto adesca una minore online, la rapisce e stermina la sua famiglia: ucciso dai colleghi
Esteri / “Rinviati senza motivo i colloqui sui controlli agli armamenti nucleari”: l’accusa degli Usa alla Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia contro il Papa: “È perversione”
Esteri / L’ambasciatrice Usa alla Nato: “Dichiarare la Russia sponsor del terrorismo potrebbe essere controproducente”
Esteri / Nasce CRO Cyber Rights Organization con sede all’Aja: ai vertici due giovani italiane
Esteri / I proiettili usati per reprimere le manifestazioni in Iran sono prodotti da un’azienda italo-francese
Esteri / Uccide il compagno con una coltellata e rivela l’omicidio su Facebook cambiando lo status in “vedova”
Esteri / “Harry aspetta un figlio dalla sua amante”: lo scoop che fa tremare il principe
Esteri / Le artiste iraniane sfidano il regime mostrandosi senza velo
Esteri / Foto hot su Onlyfans: poliziotta di Scotland Yard sospesa dal servizio