Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:10
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Lo scandalo dei marines che pubblicavano foto di colleghe nude su Facebook

Immagine di copertina

Ogni foto era corredata da commenti volgari e sessisti. È stata aperta una indagine da parte del corpo dei marines

Centinaia di foto di donne nude appartenenti al corpo militare dei Marines sono state diffuse su Facebook da  loro colleghi di sesso maschile. Questi episodi hanno innescato una indagine da parte del corpo dei marines. Ogni foto era corredata da commenti volgari e sessisti.

S&D

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo quanto riportato da Bbc, esiste un forum dove sono condivise le foto anche da parte di militari appartenenti ad altri corpi armati. Il Pentagono ha giudicato tale comportamento come “incoerente” con i propri valori.

Il procedimento usato consisteva nel postare foto di colleghe donne vestite, prese dai loro profili social, e chiedere poi agli altri utenti se avessero foto nude di quelle donne. Le foto di nudo erano definite “vittorie”.

Spesso accanto alle foto venivano forniti nomi e altri dettagli, tra cui il luogo dove le militari erano di stanza. Migliaia di commenti volgari accompagnavano i post. 

Questo comportamento inizialmente era confinato ai marines su Facebook, riuniti in un gruppo chiuso dal nome “Marines United”, che contava 30mila utenti e che è stato chiuso in seguito allo scoppio dello scandalo.

Un forum su Anon-IB, dove avvengono questi scambi, rimane tuttora aperto agli utenti e mostra come queste pratiche si siano estese dai marines alle altre forze armate. 

Le reazioni allo scandalo

Il Naval Criminal Investigative Service (Ncis) ha avviato un’indagine e ha chiesto a chiunque abbia informazioni di fornirle. 

Il comandante in capo dei marines ha definito lo scandalo come “imbarazzante”. “Quando sento le accuse di marines che denigrano le loro colleghe, penso che questo non è un comportamento da veri guerrieri o combattenti di guerra”, ha detto il generale Robert Neller.

Il dipartimento della Difesa ha detto in un comunicato di aver emesso linee guida per prevenire e perseguire le “molestie sessuali e i comportamenti di nonnismo”.

Pochi giorni fa due donne hanno dichiarato pubblicamente di essere state vittime di queste molestie virtuali, invitando anche altre colleghe a farsi avanti.

“Posso dirvi che questo comportamento porta alla normalizzazione delle molestie sessuali e delle violenza sessuali”, ha dichiarato Erika Butner, 23 anni, nel corpo dei Marines fino a pochi mesi fa. 

Questo fenomeno è stato portato alla luce da The War Horse, una testata giornalistica non-profit gestita dal veterano dei marines Thomas Brennan. Da allora l’ex soldato ha ricevuto minacce di morte e minacce di stupro per sua moglie e sua figlia. 

Il fenomeno delle molestie e delle violenze sessuali all’interno dei corpi armati statunitensi è estremamente diffuso. Un sondaggio condotto dal Pentagono ha rivelato che nel 2010 il numero reale di aggressioni ha superato i 19mila casi. 

— LEGGI ANCHE: I gruppi Facebook dove le ragazze sono stuprate virtualmente

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini