Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

È stato ritrovato il corpo senza vita di Santiago Maldonado

Il fratello dell'attivista per i diritti degli indigeni Mapuche, scomparso durante una manifestazione lo scorso 1 agosto, ha riconosciuto il corpo rinvenuto in un fiume della Patagonia

Di Giuseppe Loris Ienco
Pubblicato il 22 Ott. 2017 alle 19:32 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:10
0
Immagine di copertina

Il corpo trovato il 18 ottobre dagli investigatori argentini nel fiume Chubut, in Patagonia centrale, è quello di Santiago Maldonado, l’attivista per i diritti degli indigeni Mapuche scomparso durante una manifestazione lo scorso 1 agosto.

A confermarlo, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, è stato uno dei fratelli di Maldonado, che ha parlato con i giornalisti dopo il riconoscimento della salma in obitorio.

“Abbiamo visto il corpo. Abbiamo riconosciuto i tatuaggi di Santiago e siamo convinti che sia lui”, ha detto l’uomo.

In base a quanto stabilito da membri dell’opposizione e associazioni umanitarie Maldonado, un artigiano di 28 anni, sarebbe scomparso dopo essere stato fermato dalle forze di sicurezza durante gli scontri scoppiati nel corso di una protesta degli indigeni Mapuche, che rivendicano da anni il diritto alla riappropriazione di terre appartenute ai loro antenati che oggi sono di proprietà della famiglia Benetton.

Il presidente argentino Mauricio Macri è stato duramente criticato per la gestione del caso Maldonado.

Secondo i suoi oppositori, infatti, il governo avrebbe gestito nel peggior modo possibile la situazione, arrivando addirittura a dare la colpa della scomparsa agli stessi attivisti per i diritti dei Mapuche.

La vicenda ha avuto una grande eco in tutto il paese e ha messo in secondo piano la campagna per le elezioni legislative di domenica 22 ottobre, tanto da convincere i principali partiti a interromperla dopo l’ufficialità della notizia del riconoscimento della salma del giovane artigiano.

Il tema degli abusi perpetrati dalle forze di sicurezza è particolarmente sentito in Argentina dove, durante gli anni della dittatura militare tra il 1976 e il 1983, 30mila oppositori – i cosiddetti desaparecidos – sparirono nel nulla senza lasciare traccia.

LEGGI ANCHE: Signori Benetton, dov’è Santiago Maldonado?

LEGGI ANCHE: Santiago Maldonado è morto?

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.