Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In fiamme una preziosa chiesa barocca in Perù

Immagine di copertina

La chiesa di San Sebastian era considerata un vero e proprio gioiello dell'architettura di epoca coloniale. Al suo interno erano conservate diverse opere

Un incendio causato probabilmente da un corto circuito ha quasi completamente distrutto la chiesa di San Sebastiano a Cuzco, in Perù.

L’opera architettonica in stile barocco di epoca coloniale era stata costruita nel Sedicesimo secolo e al suo interno si trovavano un altare dorato e preziosi dipinti della stessa epoca.

Le fiamme hanno avvolto l’edificio alle prime ore di venerdì 16 settembre e nonostante l’intervento dei pompieri, un malfunzionamento negli idranti dell’area ha causato ritardi di due ore nello spegnimento dell’incendio.

Il parroco ha fatto appello ai residenti locali perché aiutassero a salvare la chiesa e i cittadini hanno risposto cercando di portare acqua da un fiume vicino, ma ormai era troppo tardi.

L’edificio è ancora in piedi ma le opere conservate al suo interno sono andate distrutte, inclusi i lavori di un artista locale di etnia quechua, Diego Quispe Tito (1611-1681).

La chiesa era stata restaurata tra il 2008 e il 2013 e l’architetto che aveva guidato i lavori, Americo Carrillo, aveva descritto San Sebastian come un vero e proprio gioiello dell’architettura coloniale in Perù.

Il sindaco di Cuzco, Carlos Moscoso, non ha saputo trattenere le lacrime di fronte alla gravità dei danni subiti dal monumento cittadino.

La città era un tempo la capitale dell’impero Inca, spazzato via all’arrivo dei conquistadores spagnoli. Francisco Pizarro arrivò a Cuzco il 15 novembre del 1533.

(Qui sotto un’immagine dell’interno della chiesa di San Sebastian dopo il devastante invendio del 16 settembre. Credit: Juan Sequeiros)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa. Cingolani: “Se Mosca chiudesse il gas, l’inverno potrebbe essere difficile”
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera