Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Bellezza oltre la fibrosi cistica

Immagine di copertina

Il fotografo Ian Pettigrew immortala in un progetto fotografico il coraggio di giovani donne che mostrano gli effetti della fibrosi cistica sul proprio corpo

Il fotografo Ian Pettigrew stava lavorando a una serie di foto per documentare la fibrosi cistica, una rara malattia ereditaria che colpisce le cellule che producono sudore, muco o succhi gastrici, quando si è reso conto che la maggior parte delle sue modelle erano donne giovani e belle.

Questo gli ha fatto venire in mente un nuovo progetto fotografico, che coinvolgesse le donne affette da fibrosi cistica sotto una prospettiva differente.

Così Ian Pettigrew ha creato Salty Girls, una serie di foto in cui le donne affette da fibrosi cistica si mostrano senza vergogna, indossando bikini o canottiere, e sfidando i pregiudizi e gli stereotipi sul corpo femminile.

Le immagini mettono in risalto la bellezza e il coraggio delle ragazze affette dalla malattia. Una bellezza che va oltre la sofferenza e le cicatrici che la fibrosi cistica lascia sul corpo.

—Guarda le foto: Donne, bellezza e fibrosi cistica

La fibrosi cistica è considerata una malattia rara perché colpisce un bambino su 2.500. È diffusa soprattutto nella popolazione di etnia caucasica, ma può colpire anche persone di altre etnie.

Può danneggiare diversi organi interni, tra cui l’apparato digerente e i polmoni, causando problemi respiratori. Non esiste attualmente una cura definitiva per la malattia, sebbene la manifestazione e la severità dei sintomi possano essere ridotte grazie a interventi farmacologici e non farmacologici che aiutano a sciogliere il muco e a facilitare la respirazione.

“Purtroppo vergognarsi del proprio corpo è ancora una cosa molto comune”, ha detto il fotografo all’Huffington Post Usa. “Chi soffre di fibrosi cistica non è immune da ciò. I bambini possono essere cattivi, ma anche gli adulti possono esserlo”.

Uno degli obiettivi del progetto è quello di far riprendere alle donne il potere sul proprio corpo. “Nessuno ha il diritto di criticare o far vergognare qualcun’altro, soprattutto quando non conosce i fatti, come nel caso della fibrosi cistica.

Le persone possono essere brutali”, spiega Ian Pettigrew. La speranza, per il fotografo, è che la campagna insegni ad altre persone a vivere a testa alta e a essere orgogliose di se stesse.

“Le donne delle foto sono le ambasciatrici delle prossime generazioni”, dice, “e sono orgogliose di aprire loro la strada”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre