Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Belgio: Salah Abdeslam condannato a 20 anni per la sparatoria di Bruxelles

Immagine di copertina
Salah Abdeslam. Credit: AFP PHOTO / POLICE NATIONALE

Il 28enne è l'unico sopravvissuto degli attacchi di Parigi del 13 novembre 2015

Salah Abdeslam, l’unico sopravvissuto degli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, è stato condannato a 20 anni di carcere dalle autorità del Belgio  per la sparatoria avvenuta nel marzo 2016 a Bruxelles durante la sua fuga.

Abdeslam, 28 anni, francese di origini marocchine, è stato giudicato colpevole di tentato omicidio legato al terrorismo. Chi è Salah Abdeslam

L’uomo non era nell’aula del tribunale per la lettura della sentenza. Abdeslam è detenuto in Francia, dove attende di essere processato per gli attentati di Parigi.

Con lui è stato condannato a 20 anni anche il suo complice nella sparatoria Sofien Ayari, 24 anni.

Nessuna circostanza attenuante è stata riconosciuta dai giudici. La presidente del tribunale di Bruxelles ha sottolineato che Abdeslam e Ayari hanno dimostrato “un completo disprezzo per la vita altrui”.

L’avvocato di Salah Abdeslam ha annunciato la possibilità di un ricorso in appello contro la condanna: “Analizzeremo la sentenza da cima a fondo”, in particolare sulla procedura, ha detto l’avvocato Sven Mary dopo la condanna da parte del tribunale di Bruxelles. “Vedrò con Salah Abdeslam qual è il suo desiderio: se vuole fare fare ricorso in appello o no”, ha spiegato Sven Mary.

L’avvocato delle parti civili, Maryse Aliè, si è invece detta “soddisfatta” della sentenza, in particolare per il fatto che “il tribunale abbia ritenuto che sparare contro dei poliziotti con armi da guerra è un atto di terrorismo”.

La sparatoria di Bruxelles

Abdeslam e Ayari furono protagonisti di una sparatoria contro la polizia il 15 marzo 2016 in un appartamento in rue du Dries a Forest, uno dei 19 comuni di Bruxelles.

Abdeslam era in quei giorni l’uomo più ricercato d’Europa.

Le forze di sicurezza del Belgio avevano individuato l’appartamento come il suo possibile covo e vi fecero irruzione per perquisirlo.

Ne scaturì una sparatoria durante la quale rimasero feriti tre agenti. Abdeslam e Ayari riuscirono a fuggire, ma furono catturati tre giorni dopo, il 18 marzo, durante una retata nel distretto di Molenbeek, a Bruxelles.

Il 22 marzo 2016 a Bruxelles ci furono tre attentati che provocarono 35 morti e 340 feriti.

Gli attentati di Parigi

Il 13 novembre 2015 Salah Abdeslam aveva partecipato attivamente agli attentati di Parigi, in cui morirono 130 persone, noleggiando l’auto che accompagnò alcuni dei terroristi al teatro Bataclan, uno degli scenari dell’attentato.

Il fratello Ibrahim, invece, si fece saltare in aria presso il caffè Comptoir Voltaire, in boulevard Voltaire, nella zona ovest di Parigi.

Abdeslam avrebbe anche affittato una stanza presso l’Apart City di Alfortville, sobborgo a sudovest di Parigi.

Il 14 novembre l’uomo avrebbe poi lasciato la Francia in automobile, raggiungendo la città di Bruxelles e divenendo, da quel momento, l’uomo più ricercato d’Europa.

Da quel momento, per circa quattro mesi Salah Abdeslam ha vissuto in fuga dalla polizia che, nel tentativo di arrestarlo, ha compiuto diverse retate nell’area di Bruxelles.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa: la polizia di Los Angeles e la DEA aprono un’indagine sulla morte di Matthew Perry
Esteri / Papa Francesco: “No alle donne diacono e non si possono benedire le unioni omosessuali”
Esteri / Gaza: oltre 35.700 morti e quasi 80mila feriti dal 7 ottobre. Nessun servizio sanitario a Gaza City e nel nord della Striscia. Idf schierano un’altra brigata a Rafah. Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno lo Stato di Palestina. Israele convoca gli ambasciatori. Critiche dalla Casa bianca. La Francia: "Non è il momento". Netanyahu: "Sarebbe uno Stato terrorista"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa: la polizia di Los Angeles e la DEA aprono un’indagine sulla morte di Matthew Perry
Esteri / Papa Francesco: “No alle donne diacono e non si possono benedire le unioni omosessuali”
Esteri / Gaza: oltre 35.700 morti e quasi 80mila feriti dal 7 ottobre. Nessun servizio sanitario a Gaza City e nel nord della Striscia. Idf schierano un’altra brigata a Rafah. Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno lo Stato di Palestina. Israele convoca gli ambasciatori. Critiche dalla Casa bianca. La Francia: "Non è il momento". Netanyahu: "Sarebbe uno Stato terrorista"
Esteri / Migliaia di migranti abbandonati nel deserto con i fondi dell’Ue: una nuova inchiesta svela il coinvolgimento di Bruxelles
Esteri / Turbolenza sul volo Londra-Singapore: un morto e 54 feriti
Esteri / A Gaza oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Corte penale internazionale". Sequestrate attrezzature tv nella sede di AP a Sderot: "Fornivano immagini ad al-Jazeera". Iran, le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi