Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Russiagate: arrestato Roger Stone, ex consigliere del presidente Trump

Immagine di copertina

Le accuse contro Stone sono di ostruzione, corruzione di testimoni e falsa testimonianza

Continuano gli arresti di persone vicine al presidente americano Donald Trump nel caso Russiagate: il 25 gennaio 2019 è stato arrestato Roger Stone, un alleato storico dell’inquilino della Casa Bianca.

Le accuse contro Stone sono di ostruzione, corruzione di testimoni e falsa testimonianza, secondo quanto dichiarato dal consulente speciale Muller che segue le indagini sulle relazioni tra il presidente Trump e la Russia.

Secondo Muller, nell’estate del 2016 Stone avrebbe parlato di Wikileaks con gli alti funzionari della campagna elettorale di Trump, affermando di essere in possesso di informazioni che “avrebbe potuto avere sarebbero state dannose per la campagna di Clinton. Stone”, spiegano ancora dall’ufficio di Muller, “è stato contattato dagli stessi alti funzionari della campagna Trump per informarsi sulle future informazioni che sarebbero state rilasciate da WikiLeaks” e che avrebbero favorito la candidatura dell’attuale presidente.

Stone, secondo l’accusa, avrebbe rilasciato false informazioni sui suoi rapporti con WikiLeaks e avrebbe “negato – mentendo – di possedere delle registrazioni contenenti le prove dei suoi contatti con WikiLeaks”, oltre ad aver cercato di corrompere alcuni testimoni del processo a cambiare versione.

Il 4 ottobre 2016 il capo di Wikileaks, Julian Assange, “ha tenuto una conferenza stampa ma non ha rilasciato nuovo materiale relativo alla campagna di Clinton. Poco dopo, Stone ha ricevuto una e-mail dal funzionario della campagna di Trump che chiedeva se WikiLeaks avrebbe rilasciato nuove indiscrezioni. Stone ha risposto che il capo [di Wikileaks] avrebbe rilasciato ogni settimana nuove informazioni”.

Proprio intorno al 7 ottobre 2016, secondo l’accusa, WikiLeaks “ha rilasciato la prima serie di email rubate al presidente della Campagna di Clinton (John Podesta, ndr)”.

“Poco dopo la pubblicazione di WikiLeaks , un collaboratore di un alto funzionario della campagna di Trump ha inviato a Stone un messaggio che diceva ‘ben fatto’. Nelle conversazioni successive con i funzionari della campagna Trump, Stone si è vantato di aver correttamente previsto la pubblicazione del 7 ottobre 2016”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Esteri / Corruzione dal Qatar: fermati quattro italiani tra cui l’ex deputato Pd Panzeri. Indagata pure la vicepresidente del Parlamento Ue
Esteri / Putin: “L’Occidente usa il popolo ucraino come carne da macello. Kiev è su un percorso suicida“
Esteri / Fenomeno Corea: ecco perché i fan del pop sudcoreano stanno dilagando anche in Occidente
Esteri / Cina: ecco come funzionerà il nuovo sistema di credito sociale
Esteri / Italia, Giappone e Regno Unito sviluppano un nuovo aereo da guerra: sarà più potente degli F-35
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione