Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dopo l’appello di Papa Francesco, la Russia apre al dialogo: “Pontefice sempre interlocutore gradito e desiderato”

Immagine di copertina

Dopo l’intervista concessa ieri da Papa Francesco al direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana, dove si è detto dolorante per il destino del mondo e di voler andare a Mosca per incontrare il presidente russo Vladimir Putin, è arrivata la risposta di Mosca.

Ed è arrivata da vicinissimo, da Via della Conciliazione 10, sede dell’ambasciatore russo Aleksandr Avdeed presso la Santa Sede. Secondo quanto riferito al cronista Sergey Startsev dell’agenzia di stampa Ria Novosti, “in qualsiasi situazione internazionale, il dialogo con il Papa è importante per Mosca. E il pontefice è sempre un interlocutore gradito e desiderato”.

Una base da cui partire, secondo alcuni osservatori, non certo il “niet” o il silenzio assordante che molti temevano arrivassero da Mosca. Molto diversa, invece, è l’opinione dell’ambasciatore ucraino presso la Santa Sede, Andril Yurash, secondo cui quello del Santo Padre è stato “un messaggio significativo. Peccato però che Putin sia sordo non solo alla nobile richiesta di Bergoglio ma anche alla voce della sua stessa coscienza. Coscienza? Ho citato qualcosa che non esiste [in Putin].”

Secondo Dionisio Lachovicz, Esarca Apostolico e riferimento per i cattolici ucraini in Italia, l’annuncio del Papa “ha già scatenato forti reazioni di malumore tra gli ucraini”, poiché il Santo Padre sarebbe esposto a “raggiri e strumentalizzazioni” da parte dei russi, riporta il Corriere.

Per il rettore della Lumsa, Francesco Bonini, esperto di diplomazia vaticana, un incontro a Mosca tra Putin e Bergoglio “è possibile, ma non da soli. Si tratta di aprire un fronte della pace”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg