Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Russia, proseguono le epurazioni “staliniste” di Putin: licenziate 150 presunte spie

Immagine di copertina

È in corso un’epurazione di massa in puro stile “staliniano” dentro i servizi d’intelligence russi. Ieri sera il presidente Vladimir Putin ha licenziato oltre 100 agenti dell’FSB, i servizi di sicurezza della Federazione russa, un segnale inequivocabile, secondo il Times di Londra che riporta la notizia, della rabbia di Putin per il fallimento dell’invasione. Tutti gli agenti licenziati – sarebbero circa 150 – appartenevano al Quinto Servizio, una divisione nata nel 1998 quando Putin era a capo dell’FSB, per condurre operazioni nei Paesi dell’ex Unione Sovietica allo scopo di mantenerli dentro la sfera d’influenza della Russia. L’accusa sarebbe quella di “aver riferito false informazioni al Cremlino sulla reale situazione in Ucraina prima dell’invasione,” ha riferito il sito web investigativo Bellingcat

Anche l’ex capo del dipartimento e responsabile delle operazioni in Ucraina, Sergei Beseda, è stato messo agli arresti il mese scorso e poi trasferito presso il carcere di massima sicurezza di Lefortovo a Mosca, secondo le ultime indiscrezioni del Times. Leftorvo è noto per essere stato luogo di torture e interrogazioni durante le Grandi Purghe staliniane degli anni ’30, e l’arresto di Beseda è servito a inviare un messaggio molto chiaro alle élites russe, secondo Andrei Soldatov, esperto del Center for European Policy Analysis (CEPA). L’accusa ufficiale è quella di appropriazione indebita, ma il sospetto è che il Cremlino lo accusi di fughe di notizie che avrebbero paralizzato lo sforzo bellico.

“Sono rimasto sorpreso da questa decisione,” ha detto Soldatov. “Putin avrebbe potuto semplicemente licenziarlo o mandarlo a svolgere qualche compito in Siberia. Leftorvo non è un bel posto e inviarlo là è un segnale di quanto stia prendendo sul serio la faccenda.” Soldatov ha aggiunto che le autorità russe potrebbero sospettare che Beseda abbia passato informazioni alla CIA, mentre secondo altri analisti la sua incarcerazione sarebbe dovuta agli errori commessi sul campo in Ucraina. Il Quinto Servizio rappresenta il dipartimento più sensibile dell’FSB, incaricato di svolgere attività di spionaggio in Ucraina. Ora sembra che Vladimir Putin abbia finalmente realizzato che le informazioni ricevute prima dell’invasione non fossero del tutto affidabili. E ha iniziato a cercare qualcuno su cui scaricare la colpa.

Nelle ultime settimane le forze russe hanno subito una serie di sconfitte e sono state costrette a ritirarsi anche da Kiev dopo non essere riusciti a sfondare le difese della capitale. Le ipotesi che la Russia abbia pianificato la sua campagna militare facendo affidamento a informazioni militari imprecise sono andate col tempo avvalorandosi. Già prima che i carri armati di Putin arrivassero in Ucraina alla fine di febbraio, gli ufficiali dell’intelligence britannica e statunitense avevano a disposizione le mappe che mostravano dove si dirigevano le colonne corazzate di Putin e da allora hanno continuato a trasmettere agli ucraini informazioni accurate sugli obiettivi russi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Ti potrebbe interessare
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”
Esteri / La scrittrice Sophie Kinsella: “Ho un cancro al cervello, sto facendo chemioterapia”
Esteri / Serie di attacchi di Hezbollah al Nord di Israele: 18 feriti. Tajani: “G7 al lavoro per sanzioni contro l’Iran”. Netanyahu: “Israele farà tutto il necessario per difendersi”
Esteri / Copenaghen, distrutto dalle fiamme gran parte dell’edificio della Borsa | VIDEO
Esteri / L’Iran minaccia l’uso di un’arma “mai usata prima”. L’Onu: “Sono 10mila le donne uccise a Gaza dall’inizio della guerra, 19 mila gli orfani”
Esteri / Stati Uniti, Trump: “Il mio processo è un attacco all’America”
Esteri / Iran a Onu invoca il diritto all’autodifesa. Macron: “Risposta sproporzionata. Isolare Teheran e aumentare le sanzioni”. Media: "Israele risponderà all’Iran, ma senza scatenare una guerra regionale"