Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Russia, chiesti altri 13 anni di carcere per Navalny: “Sentenza scritta, vogliono il suo ergastolo”

Immagine di copertina

La procura di Stato russa ha chiesto al tribunale di Mosca un’ulteriore condanna a 13 anni di carcere per l’attivista russo Alexey Navalny nonché il pagamento di una multa di un milione e 200mila rubli (pari a 10mila dollari secondo il cambio attuale) per le accuse di frode e oltraggio alla corte. Il dissidente è accusato di avere sottratto dei fondi raccolti attraverso la sua “Fondazione per la lotta alla corruzione” (Fbk) e di un episodio relativo al processo per diffamazione contro il veterano Ignat Artemnko in cui, per i giudici, avrebbe commesso il reato di oltraggio alla corte.

Ma secondo Navalny due degli attuali quattro capi d’imputazione che pendono sul suo conto sarebbero falsi e altre due deriverebbero da testimonianze rilasciate sotto costrizione: poco prima che fosse resa nota la richiesta del procuratore, infatti, la squadra di Navalny aveva ricostruito che uno dei testimoni chiamati all’udienza è in realtà un dipendente dell’amministrazione presidenziale.

L’attivista 44enne si trova già in carcere e deve scontare una pena di due anni e otto mesi (dopo 10 mesi ai domiciliari) per il caso “Yves Rocher”, in cui è accusato di aver sottratto fondi aziendali di “Yves Rocher Vostok” nella misura di oltre 26,7 milioni di rubli e per aver violato i termini della libertà vigilata quando era in cura in Germania dopo essere stato avvelenato con l’agente nervino Novichock, per un presunto caso di corruzione che risale al 2014: accuse che Navalny ha sempre dichiarato “false dalla prima all’ultima parola”.

Il suo staff ha definito il processo in corso “pilotato“: “La sentenza di Alexey Navalny – ha scritto su Telegram il capo del suo staff, Leonid Volkov – è nota da tempo: l’ergastolo. Fino alla fine della vita di una delle due persone: lo stesso Navalny o Vladimir Putin. Il fatto che Putin creda di resistere per altri 13 anni denota grande ottimismo e sopravvalutazione delle proprie capacità. Più o meno la stessa sopravvalutazione che tre settimane fa gli ha fatto attaccare l’Ucraina”, recita il messaggio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky propone meccanismo di confisca dei beni russi. Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky propone meccanismo di confisca dei beni russi. Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Esteri / Nato, Mosca alla Svezia: “Convochi referendum, il sostegno è basso”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Fase finale sarà più sanguinosa". Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto