Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Non solo il velo: la rivolta in Iran assume le dimensioni di una vera lotta di classe

Immagine di copertina
Credit: EPA/JAMES ROSS AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

Alla protesta per i diritti delle donne si salda il malcontento sociale. Con il governo conservatore di Raisi, la situazione è peggiorata. Le libertà hanno subito una stretta. Ma le regole più dure valgono soltanto per i poveri

Farah è una donna iraniana, arrivata in Italia pochi giorni fa. A breve dovrà tornare in Iran, ma non ha paura. «Vorrei andare a manifestare anchio, ma non posso farlo perché devo accudire mio padre che è anziano e ha bisogno di essere aiutato». Il suo è un nome di fantasia, per ragioni di sicurezza ha deciso di rimanere in anonimato. Parla in inglese con il suo accento persiano, scandisce le parole con decisione, trasmettendo la voglia di raccontare che cosa sta succedendo veramente nel suo Paese: «Io sono figlia della rivoluzione», si riferisce a quella khomeinista tra il 1978 e il 1979, che portò alla nascita della repubblica islamica e alla deposizione dello Scià di Persia.

«Con il governo (del presidente conservatore Ebrahim) Raisi la situazione è nettamente peggiorata», spiega a TPI. «Le donne non hanno più nessuna libertà, la loro stessa vita non ha valore. Le più ricche sono anche più libere, perché c’è tanta corruzione. Per cui se vieni fermata dalla polizia puoi pagarla per essere lasciata in pace. Se vivi a sud di Teheran e sei povera, invece, sei vulnerabile». Racconta comunque che questa rivolta – incominciata dopo la morte di Mahsa Amini –  è il prodotto di un dissenso diffuso che non si nutre di mere ragioni economiche, ma del desiderio di lottare per la propria libertà e per la propria vita.

Lhumus della rivolta

LIran vive da anni una forte insofferenza dovuta alleffetto combinato delle sanzioni e della corruzione delle autorità politiche. Basti pensare che, nel settembre 2011, lallora direttore della Banca centrale iraniana Mahmoud Reza Khavari è stato coinvolto in uno scandalo di frode per 943 milioni di dollari e successivamente è fuggito in Canada. Il capitale proveniente dalla vendita del greggio non viene utilizzato per il sostentamento del Paese ma viene acquisito dai membri del ministero del Petrolio e da altre personalità politiche. Soltanto tre anni fa, nel novembre del 2019, ci fu unaltra ondata di proteste dovuta allaumento del prezzo del carburante, ma questa volta la situazione pare diversa. «Le persone hanno capito che al posto di Mahsa poteva esserci la propria figlia o sorella», ricorda Farah.

Nel Paese la situazione peggiora di ora in ora. Durante gli scontri degli scorsi giorni la polizia ha sparato pallottole di gomma per disperdere la folla. La ragione è probabilmente legata allintervento del presidente Raisi allAssemblea generale dellOnu a New York, dove ha rassicurato la comunità internazionale di essere aperto al dialogo e di non volersi dotare dellarma nucleare. Adesso però il suo viaggio si è concluso e la polizia sta sparando proiettili veri ad altezza uomo, uccidendo i manifestanti.

Tutti i passeggeri dei voli nazionali e internazionali che sono atterrati a Teheran negli ultimi giorni sono rimasti bloccati in aeroporto per circa dieci ore. I cellulari vengono sequestrati e controllati per poi essere restituiti dopo due settimane se, secondo le forze di sicurezza, non sussistono elementi di sospetto. Il regime ha bloccato laccesso a Internet per arginare la diffusione di immagini e video tramite i social media. «Io non riesco a parlare con la mia famiglia in questo momento», rivela Farah a TPI. «Ci sono persone che riescono a comunicare usando particolari reti Vpn che il governo non ha ancora scoperto. I social media non sono facilmente accessibili. Non funziona neanche Telegram. Instagram a volte funziona ma non è sicuro, perché è proprio lì che la polizia aggira le password degli utenti e controlla le conversazioni». La scorsa settimana, il direttore della polizia di Teheran aveva postato un tweet in cui scriveva che il governo Raisi sarebbe potuto cadere da un momento allaltro. Il tweet è stato eliminato poco dopo la sua pubblicazione.

La crisi si allarga all’estero

A partire da martedì 27 settembre, alcuni membri del governo hanno trasferito le loro famiglie e il proprio patrimonio in Uzbekistan e Venezuela. Se ci si collega a Flight24, si può notare che solamente da alcuni giorni ci sono voli diretti privati in partenza dallaeroporto iraniano Payam verso Paesi per cui solitamente non vi sono tratte disponibili.

Intanto le manifestazioni non sono rimaste circoscritte alla repubblica islamica, ma si stanno diffondendo anche in tutto il mondo occidentale. A San Francisco, i manifestanti gridano lo slogan simbolo delle rivolte Donna, Vita, Libertà” sul Golden Gate Bridge. A Berlino un gruppo di dimostranti è riuscito a occupare lambasciata iraniana, arrampicandosi sulle inferriate e tagliando il filo spinato con forbici da giardino. A Londra ci sono stati diversi scontri tra manifestanti e forze di polizia. Anche in questo caso le persone che protestavano sono riuscite ad occupare lambasciata iraniana nella capitale britannica e un giovane è salito sul tetto delledificio per esibire la bandiera del regno di Persia. Intanto a Teheran, il Vevak – il ministero a cui rispondono i servizi di intelligence – sta reclutando persone nelle capitali occidentali per partecipare alle proteste, al fine di raccogliere informazioni sui manifestanti, intimidirli e non permettergli di tornare in Iran.

Senza leader

Anche in Italia, a Milano e a Roma, ci sono state diverse manifestazioni. «Cerano molti ragazzi iraniani, alcuni arrivati da poco in Italia per studiare alluniversità», ci racconta Nahid, che a differenza di Farah vive in Italia da molti anni e ha partecipato attivamente alle dimostrazioni che ci sono state nel nostro Paese. «Li vedo così forti e determinati, senza essere legati a un particolare pensiero politico. Gli attivisti spesso cercano di modificare le leggi passo dopo passo, a loro invece non basta. Vogliono un cambiamento radicale». Alcune ore prima di parlarci, una persona a lei cara è stata arrestata dalle forze di sicurezza iraniane, per cui anche lei ha deciso di rimanere in anonimato.

Le chiediamo chi sono i protagonisti delle proteste nel suo Paese e se ci sono dei gruppi organizzati di attivisti dietro questa profonda rivolta del popolo iraniano: «Tutto è iniziato quando sui social media è diventata virale una foto di Mahsa Amini in coma su un letto dellospedale di Kasra, a Teheran. Successivamente, la gente è scesa in piazza prima a Saqez, nel Kurdistan iraniano e poi nel resto dellIran. Stanno manifestando persone di tutte le età: studenti universitari e adulti che vogliono un futuro per i propri figli. Mahsa ha risvegliato un forte sentimento di dissenso nel mio popolo», ricorda.

E poi aggiunge: «In Iran ci sono molti attivisti che rispetto moltissimo e che ho sempre ammirato per il loro coraggio. Entrano ed escono dal carcere come se fossero i peggiori criminali. Ma questa volta non hanno un ruolo decisivo nelle proteste, la gente scende in piazza perché lo sente e anche loro sono rimasti sorpresi dal nostro popolo. Adesso si protesta per la libertà di vivere. Lelemento interessante è che i giornalisti iraniani stanno usando parole spinose per descrivere quello che sta accadendo, mettendo in discussione unistituzione sacra come il velo delle donne, che rappresenta una bandiera della repubblica islamica. La forza di queste proteste è incredibile».

Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”. Usa colpiscono obiettivi Houthi in Yemen
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”. Usa colpiscono obiettivi Houthi in Yemen
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel