Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ricordando Voltaire

Immagine di copertina

Voltaire è considerato uno dei padri del pensiero illuminista. La sua opera principale fu Candido, o l'ottimismo

Il filosofo e scrittore francese Voltaire è nato il 21 novembre 1694, a Parigi, in Francia.

Il suo vero nome era Francois-Marie Arouet e faceva parte di una famiglia dell’alta borghesia. Dopo aver studiato alla scuola di diritto – che lasciò polemicamente poiché non voleva fare l’avvocato – si avvicinò ad ambienti libertini e, a causa dei suoi primi scritti che criticavano la casa reale, fu prima esiliato e poi incarcerato per un breve periodo.

Nel 1726 si recò in Inghilterra, dove entrò in contatto con diversi esponenti della cultura liberale e dove apprezzò molto la monarchia costituzionale, in contrasto con quella assoluta francese. Sempre in questo periodo, iniziò a usare lo pseudonimo di Voltaire, la cui origine non è nota.

Tornato in Francia nel 1728, iniziò a scrivere diverse tragedie, e trattati di divulgazione scientifica, questi ultimi molto vicini alle nuove teorie di Isaac Newton.

Riavvicinatosi alla corte reale, nel 1746 fu nominato storiografo e membro dell’Academie Francaise, ma nel 1749 lasciò la Francia per recarsi in Prussia prima e in Svizzera poi, nel paesino di Ferney.

Fu qui che divenne un punto di riferimento per tutti gli intellettuali dell’epoca che stavano dando vita a quel movimento noto come illuminismo. Sempre in quest’ottica, tra il 1751 e il 1780 collaborò con Diderot e d’Alembert alla realizzazione dell’Enciclopedia, basata proprio sugli ideali illuministi.

La sua opera principale, però, fu Candido, o l’ottimismo, pubblicata per la prima volta nel 1759. Nel testo Voltaire vuole confutare la teoria del filosofo tedesco Leibniz, per cui quello in cui viviamo è “il migliore dei mondi possibili”.

Un altro tema ricorrente nel pensiero di Voltaire è quello riguardo l’esistenza di Dio. Diversamente da altri illuministi, il filosofo non si riteneva ateo, e assunse una posizione deista, per cui esiste un Dio superiore che ha creato il mondo secondo un disegno intelligente e che non lo governa.

Voltaire morì a Parigi il 30 maggio 1778.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”
Esteri / La nuova Germania di Olaf Scholz: lotta alla crisi climatica, salario minimo e cannabis legalizzata