Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ricordando Voltaire

Immagine di copertina

Voltaire è considerato uno dei padri del pensiero illuminista. La sua opera principale fu Candido, o l'ottimismo

Il filosofo e scrittore francese Voltaire è nato il 21 novembre 1694, a Parigi, in Francia.

Il suo vero nome era Francois-Marie Arouet e faceva parte di una famiglia dell’alta borghesia. Dopo aver studiato alla scuola di diritto – che lasciò polemicamente poiché non voleva fare l’avvocato – si avvicinò ad ambienti libertini e, a causa dei suoi primi scritti che criticavano la casa reale, fu prima esiliato e poi incarcerato per un breve periodo.

Nel 1726 si recò in Inghilterra, dove entrò in contatto con diversi esponenti della cultura liberale e dove apprezzò molto la monarchia costituzionale, in contrasto con quella assoluta francese. Sempre in questo periodo, iniziò a usare lo pseudonimo di Voltaire, la cui origine non è nota.

Tornato in Francia nel 1728, iniziò a scrivere diverse tragedie, e trattati di divulgazione scientifica, questi ultimi molto vicini alle nuove teorie di Isaac Newton.

Riavvicinatosi alla corte reale, nel 1746 fu nominato storiografo e membro dell’Academie Francaise, ma nel 1749 lasciò la Francia per recarsi in Prussia prima e in Svizzera poi, nel paesino di Ferney.

Fu qui che divenne un punto di riferimento per tutti gli intellettuali dell’epoca che stavano dando vita a quel movimento noto come illuminismo. Sempre in quest’ottica, tra il 1751 e il 1780 collaborò con Diderot e d’Alembert alla realizzazione dell’Enciclopedia, basata proprio sugli ideali illuministi.

La sua opera principale, però, fu Candido, o l’ottimismo, pubblicata per la prima volta nel 1759. Nel testo Voltaire vuole confutare la teoria del filosofo tedesco Leibniz, per cui quello in cui viviamo è “il migliore dei mondi possibili”.

Un altro tema ricorrente nel pensiero di Voltaire è quello riguardo l’esistenza di Dio. Diversamente da altri illuministi, il filosofo non si riteneva ateo, e assunse una posizione deista, per cui esiste un Dio superiore che ha creato il mondo secondo un disegno intelligente e che non lo governa.

Voltaire morì a Parigi il 30 maggio 1778.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”