Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ricordando il bombardamento di Londra

Immagine di copertina

Il 7 settembre 1940 l'aviazione tedesca bombarda per la prima volta la città di Londra

Il 7 settembre 1940 la Luftwaffe – l’aeronautica militare tedesca – per la prima volta colpiva la città di Londra nella zona dei Surrey Docks nell’ambito di quella fase della Seconda Guerra Mondiale che è nota come battaglia d’Inghilterra.

Dopo che il 25 giugno la Francia firmò l’armistizio con cui si arrese alla Germania di Adolf Hitler, che immediatamente iniziò a pensare all’invasione del Regno Unito. Subito iniziarono una serie di bombardamenti strategici volti ad abbattere le imbarcazioni britanniche nel canale della Manica e ad indebolire il sud dell’Inghilterra.

Fu in quest’ambito che la Germania nel settembre 1940 pianificò l’operazione Leone Marino, che prevedeva una serie di bombardamenti contro il Regno Unito e la creazione di una testa di ponte nell’Inghilterra meridionale da cui lanciare l’invasione del paese.

Il 7 settembre, dunque, iniziò la parte più violenta dei bombardamenti contro il Regno Unito, con l’obiettivo di distruggere le basi militari e le infrastrutture e sconvolgere il morale dei civili. Si trattò inoltre della più grande battaglia aerea che fino a quel momento ebbe luogo.

Le difese britanniche furono inizialmente colte di sorpresa da questa cambio di strategia tedesco in senso aggressivo, ma in breve tempo si seppero riorganizzare e costrinsero la Germania a rivedere i piani di invasione del Regno Unito.

Nonostante i durissimi bombardamenti su Londra e sulle città del paese – come quello di Coventry, che portò alla distruzione di gran parte della città -, il morale britannico resistette in maniera netta.

La Germania, di fronte alla decisa resistenza della RAF – l’aviazione britannica – dovette rinunciare ai piani di invasione del Regno Unito in quella che risultò essere la prima battuta d’arresto del Terzo Reich nella Seconda Guerra Mondiale.

Per quanto i piani tedeschi di invasione dell’Inghilterra risultarono compromessi già nell’autunno del 1940, i bombardamenti strategici contro le città del Regno Unito proseguirono fino alla primavera del 1941, causando la morte oltre 40mila civili. Ma la resistenza britannica permise a Londra di iniziare a capovolgere le sorti della Seconda Guerra Mondiale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo