Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Riciclaggio dei rifiuti in Europa

Immagine di copertina

La Commissione Europea ha fissato il riciclaggio dei rifiuti al 70 per cento entro il 2030. Anche per creare posti di lavoro

Diminuzione degli sprechi, minore dipendenza dalle importazioni e creazione di posti di lavoro. È questo l’ambizioso obiettivo posto dal commissario all’ambiente Ue, Janez Potočnik, nel proporre nuovi livelli di riciclaggio dei rifiuti urbani e degli imballaggi.

I Paesi membri dovranno raggiungere il 70 per cento di riciclaggio dei rifiuti per i rifiuti urbani e l’80 per cento per gli imballaggi entro il 2030.

Il rilancio dell’economia verde e lo sviluppo fondato sulla diminuzione degli sprechi sono tra i principali obiettivi della Commissione europea, che ha deciso di rivedere la previsione sul riciclaggio di rifiuti, precedentemente fissata al 50 per cento nel 2020.

Il trend degli ultimi anni è positivo: nel 1995 i Paesi membri riciclavano il 18 per cento, nel 2012 il 42 per cento. Il 70 per cento non sembra dunque irraggiungibile. Sorge piuttosto qualche dubbio nel valutare l’eterogeneità dei dati. Si va dall’1 per cento della Romania, dove quasi tutti i rifiuti vengono interrati, al 65 per cento della Germania, patria europea del riciclaggio. Potočnik si dice convinto che saranno proprio i Paesi meno virtuosi a trarre maggior beneficio dall’iniziativa, grazie alla possibilità di creare posti di lavoro in loco legati alla green economy.

L’Italia si trova a metà della strada con il 38 per cento di riciclaggio di rifiuti urbani. Ancora molto alto il dato sulle discariche dove vengono interrati il 41 per cento dei rifiuti. Una grande differenza si riscontra anche nell’utilizzo degli inceneritori. In paesi come Bulgaria, Romania, Grecia e Croazia non si utilizzano gli inceneritori, mentre in Danimarca e Svezia (52 per cento) e Olanda (49 per cento) rappresentano la principale soluzione di smaltimento.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”