Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I ribelli minacciano di boicottare i negoziati di pace in Siria

Immagine di copertina

Gli insorti accusano il regime di Bashar al-Assad avere continuato con i bombardamenti nonostante il cessate il fuoco

Diverse formazioni di ribelli hanno annunciato lunedì 2 dicembre che non parteciperanno ai colloqui di pace previsti entro la fine di gennaio ad Astana, in Kazakistan, adducendo come motivazione il fatto che il regime siriano ha violato più volte la tregua voluta da Russia e Turchia e appoggiata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, entrata in vigore quattro giorni fa. 

“Il regime e i suoi alleati hanno continuato a combattere e a commettere numerose violazioni”, scrivono in una nota congiunta le formazioni degli insorti, “Poiché queste violazioni continuano i gruppi ribelli annunciano che non parteciperanno alle discussioni di pace ad Astana”.

Nella nota si fa riferimento ai combattimenti nella regione controllata dagli insorti di Wadi Barada, vicino Damasco, che è stata bombardata ripetutamente dall’aviazione siriana. Nelle ultime settimane il regime starebbe cercando di tornare in possesso delll’area, dalla quale passa l’approvvigionamento di acqua della capitale.

L’esercito di Assad ha negato le accuse dei ribelli sostenendo che il loro obiettivo è di far fallire i negoziati di pace.

L’accordo per il cessate il fuoco è stato firmato dal governo siriano e dalle forze d’opposizione; fautori e garanti dell’intesa sono Russia, Turchia e Iran. Non sono inclusi invece nel cessate il fuoco le milizie curde dell’Ypg e il sedicente Stato islamico.

Intanto, l’esercito turco ha detto che 18 jihadisti dell’Isis sono stati uccisi nel nord della Siria in una serie di rappresaglie in seguito all’attentato di capodanno in cui un jihadista del sedicente Stato islamico ha ucciso 39 persone.

Dall’inizio della guerra civile nel marzo del 2011 scoppiata in seguito alle proteste per rimuovere il regime del presidente Bashar al-Assad sono morte almeno 300mila persone. Quattro milioni di siriani sono fuggiti negli stati confinanti o hanno cercato ospitalità in Europa.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Ti potrebbe interessare
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia
Esteri / Brasile: Lula e Bolsonaro al ballottaggio il 30 ottobre. L’ex presidente al 48,3%, la destra al 43,7%
Esteri / La Nato avverte Mosca: “Se Putin usa armi nucleari, conseguenze serie”
Esteri / Brasile al voto, resa dei conti tra Lula e Bolsonaro: l’ex sindacalista punta alla vittoria al primo turno