Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Turchia a un anno dal fallito golpe

Immagine di copertina
Credit: Reuters

La notte tra il 15 e il 16 luglio 2016 una parte dell'esercito turco ha provato a deporre il presidente Recep Tayyip Erdogan senza riuscire nel suo intento. Ecco cosa è successo da allora:

A un anno dal fallito golpe in Turchia, sabato 15 luglio 2017, nel paese si attendono una serie di manifestazioni.

Il giorno è stato dichiarato festa nazionale e il presidente Recep Tayyip Erdogan si rivolgerà al parlamento nell’ora esatta in cui questo è stato bombardato. Erdogan parteciperà inoltre a una manifestazione a Istanbul sul ponte sul Bosforo in cui la folla ha affrontato i soldati.

La notte tra il  il 15 e il 16 luglio una parte dell’esercito turco provò a deporre il presidente, fallendo nel tentativo. I militari tentarono un colpo di stato occupando le televisioni, bloccando le principali città e imponendo il coprifuoco.

– LEGGI ANCHE: La cronostoria della notte del tentato golpe in Turchia

Negli scontri del fallito golpe morirono almeno 260 persone e oltre 2mila furono ferite. Dopo una notte di caos il presidente Erdogan dichiarò fallito il colpo di stato e annunciò che il governo legittimo aveva il pieno controllo della situazione.

Le autorità hanno accusato del fallito golpe un movimento legato al leader musulmano Fethullah Gulen, che si trova negli Stati Uniti e nega ogni responsabilità.

Nel corso dell’anno il governo ha messo in atto una dura repressione, licenziando oltre 150mila impiegati dalle istituzioni statali e arrestando oltre 50mila persone accusate di sostenere Gulen.

– LEGGI ANCHE: Continua l’ondata di repressione in Turchia

Secondo i suoi oppositori, però, Erdogan sta usando la purga per reprimere il dissenso. La scorsa settimana centinaia di migliaia di persone hanno compiuto una marcia da Ankara a Istanbul per protestare contro il governo.

L’organizzatore della marcia, Kemal Kilicdaroglu, condanna il colpo di stato ma sostiene che la repressione di Erdogan costituisce un secondo golpe.

Il presidente Erdogan ha accusato i manifestanti di supportare il terrorismo.

– LEGGI ANCHE: Noi, accademici di Ankara cacciati da Erdogan, continueremo a insegnare nei parchi

– LEGGI ANCHE: La storia dei cinque colpi di stato in Turchia

Ti potrebbe interessare
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”