Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un noto predicatore islamista è stato condannato a 5 anni nel Regno Unito

Immagine di copertina

Anjem Choudary è stato trovato colpevole di aver incitato i suoi seguaci a sostenere il sedicente Stato islamico

Anjem Choudary, noto predicatore islamista attivo nel Regno Unito, è stato condannato a cinque anni e sei mesi di carcere per aver invitato i suoi seguaci a sostenere il sedicente Stato islamico, martedì 6 settembre 2016.

In luglio, Choudary, 49 anni, era stato trovato colpevole dalla corte di Londra di aver incoraggiato il sostegno all’Isis attraverso internet.

Secondo l’accusa, Choudary ha giurato fedeltà all’autoproclamato califfo Abu Bakr al-Baghdadi e dichiarato dovere di tutti i musulmani obbedirgli.

L’uomo nega le accuse di terrorismo e sostiene che la condanna sia motivata da ragioni politiche. Insieme a lui, è stato condannato alla stessa pena un suo associato, il 33enne Mizanur Rahman.

Nonostante i suoi discorsi di incitamento all’odio, come le lodi profuse sugli attentatori dell’11 settembre, il rifiuto di condannare gli attacchi del 2005 a Londra e la dichiarazione di voler trasformare Buckingham Palace in una moschea, è la prima volta che viene accusato di un crimine legato al terrorismo.

Ma Choudary non è conosciuto solo nel Regno Unito. Il predicatore è apparso spesso in programmi televisivi esteri e i suoi seguaci sono stati messi in relazione con attacchi terroristici in tutto il mondo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Esteri / Gaza, il principe William: “Troppi morti, basta guerra”
Esteri / Usa all'Aia: "L'attacco del 7 ottobre dimostra esigenze di sicurezza di Israele". Knesset vota contro creazione "unilaterale" Stato palestinese
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa