Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:24
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Regeni fu consegnato ai servizi segreti il giorno della sua scomparsa

Immagine di copertina

La versione dei fatti raccontata dalla Reuters smentisce posizione ufficiale delle autorità secondo cui il ricercatore italiano non venne mai preso in custodia

Giulio Regeni, prima di essere torturato e ucciso, fu fermato dalla polizia e immediatamente consegnato ai servizi segreti il giorno stesso in cui scomparve. L’ipotesi è sostenuta dall’agenzia Reuters in base alla testimonianza di alcuni funzionari di intelligence e della polizia egiziana.

S&D

Le fonti smentirebbero dunque la versione ufficiale delle autorità egiziane, secondo cui il ricercatore italiano non fu mai preso in custodia prima di essere ritrovato senza vita il 3 febbraio in un fosso del Cairo.

Le autorità egiziane hanno negato con forza qualsiasi coinvolgimento nella morte di Giulio Regeni. Il ministro dell’Interno ha immediatamente smentito la notizia della Reuters definendola “infondata”.

Mohamed Ibrahim, un responsabile del dipartimento Media della Sicurezza nazionale, ha assicurato che “non c’è stato alcun rapporto fra Regeni e la polizia o il ministero dell’Interno o la sicurezza nazionale e che Regeni non è mai stato detenuto in alcun posto di polizia o presso la Sicurezza nazionale”.

“L’unica volta che è entrato in contatto con la polizia è stato quando ufficiali di polizia hanno timbrato il suo passaporto nel momento in cui è atterrato in Egitto. Se avessimo avuto sospetti sulle sue attività, la soluzione sarebbe stata semplice: espellerlo”.

La versione raccontata dalle fonti all’agenzia di stampa è però un’altra. Regeni fu prelevato dalla polizia vicino la stazione metro del Cairo il 25 gennaio, il giorno dell’anniversario dell’inizio della Primavera araba del 2011.

Insieme a lui venne fermato un altro uomo egiziano, ma la Reuters non è stata in grado di verificare la sua identità e un’eventuale connessione con il ricercatore friulano.

Non è inoltre chiaro perché gli uomini siano stati portati alla stazione di polizia di Izbakiya, un’area militare nel centro del Cairo.

“Ci dissero che un italiano era stato arrestato e portato a Izbakiya”, hanno confermato all’agenzia di stampa tre poliziotti che erano di pattuglia quel giorno.

Un agente della stazione ha confermato di ricordare l’arrivo di un italiano, ma poi ha detto di non aver visto il nome di Regeni nei registri delle presenze.

Trenta minuti dopo l’arrivo di Regeni a Izbakiya, secondo una delle fonti, sarebbe stato trasferito a Lazoughi, una stazione dei servizi di sicurezza e a quel punto si perdono le tracce del ricercatore friulano fino al giorno del ritrovamento del suo cadavere.

Tutti questi nuovi elementi potrebbero aggravare la crisi diplomatica tra Italia ed Egitto dopo il fallimento del vertice di Roma fra inquirenti italiani e egiziani, a causa dell’atteggiamento delle autorità del Cairo, accusate dal governo italiano di ostacolare le indagini.

LEGGI ANCHE: UNA MAIL ANONIMA ACCUSA GLI EGIZIANI PER LA MORTE DI REGENI

L’IMBARAZZANTE SILENZIO DEI GOVERNI OCCIDENTALI SUL CASO REGENI
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Israele richiama due battaglioni di riservisti da inviare nella Striscia. Cisgiordania, Idf: "Uccisa una donna palestinese che ha tentato di accoltellare alcuni soldati". Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. Media: "L'Iran ha ridotto la sua presenza in Siria"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Israele richiama due battaglioni di riservisti da inviare nella Striscia. Cisgiordania, Idf: "Uccisa una donna palestinese che ha tentato di accoltellare alcuni soldati". Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. Media: "L'Iran ha ridotto la sua presenza in Siria"
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani