Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il rapporto tra Trump e la verità sulla nuova copertina del Time

Immagine di copertina

Nel nuovo numero della rivista statunitense è contenuta un'intervista che evidenzia le contraddizioni nelle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti

Il rapporto tra Donald Trump e la verità è finito sulla copertina della rivista statunitense Time. In un’intervista pubblicata dal giornale il 23 marzo, il presidente ripercorre le motivazioni e le caratteristiche del suo stile comunicativo cercando di giustificare alcune sue affermazioni che hanno portato alla nascita del termine post-truth (post-verità).

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La scelta grafica del magazine per presentare l’intervista all’inquilino della Casa bianca riprende un’analoga copertina dell’8 aprile 1966. Is God Dead? nell’ultima uscita di Time è diventato Is Truth Dead?: un richiamo ai molti dubbi che ogni volta sono sollevati su quanto detto dal presidente degli Stati Uniti.

(L’articolo continua dopo l’immagine)

Trump fornisce una serie di risposte riguardo alla sua tendenza a fare affermazioni poco caute. Una delle giustificazioni fornite dal presidente ha a che fare con il suo carattere.

“Sono istintivo, ma il mio istinto finisce per essere giusto”, ha detto all’intervistatore riferendosi all’ilarità che suscitava in campagna elettorale la sua certezza di risultare vincitore alle elezioni.

Per quanto riguarda la diffusione di notizie non confermate, il presidente statunitense si difende dicendo di aver citato giornali e altre persone, andando contro la comune convinzione che tutto ciò che esce dalla bocca di un capo di stato debba essere vero, o quanto meno verificato da fonti attendibili.

Significativo anche il modo in cui Trump sceglie di concludere la conversazione con il giornalista del Time: “Non posso fare così male se sono il presidente e tu no, giusto?”.

È un modo per sottolineare come la sua vittoria alle elezioni di novembre 2016 abbia in realtà messo a tacere qualsiasi dubbio sul suo effettivo successo e su quello della sua amministrazione.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione
Esteri / Gaza, 104 morti fra la folla in fila per la farina. Hamas: “Spari rischiano di far saltare negoziati”. Onu: “Crimini di guerra da entrambe le parti”
Esteri / Ungheria: “Sorprendono le interferenze italiane sul caso Salis”
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”