Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un raid aereo Usa ha distrutto un ponte di importanza strategica per l’Isis a Mosul

Immagine di copertina

La mossa limita i movimenti dei miliziani tra la parte orientale e quella occidentale della città, ma l'Oim esprime preoccupazione per i civili intrappolati a Mosul

Le forze aeree statunitensi che stanno conducendo l’offensiva contro l’Isis a Mosul insieme all’esercito iracheno hanno attaccato un ponte che attraversa il fiume Tigri, distruggendolo e limitando così i movimenti dei miliziani tra la parte orientale e quella occidentale della città, secondo quanto dichiarato da un ufficiale statunitense.

Tutti e cinque i ponti che attraversano il fiume Tigri a Mosul erano stati minati dai miliziani, che hanno preso il controllo della città nel 2014, ma i jihadisti hanno continuato a utilizzarli fino a quando molti di questi non sono stati distrutti.

Il colonnello dell’aeronautica statunitense John Dorrian ha detto martedì 22 novembre che un attacco aereo ha colpito il ponte numero quattro, quello più a sud, nelle ultime 48 ore. “Questo limita la libertà di movimento dell’Isis a Mosul. E impedisce loro di rifornire o rinforzare i combattenti in tutta la città”.

— Leggi anche: Mosul – Cronache dal fronte di Amedeo Ricucci per TPI

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) delle Nazioni Unite ha espresso preoccupazione in quanto la distruzione dei ponti potrebbe ostacolare l’evacuazione dei civili. Infatti, secondo quanto riferito dal portavoce Joel Millman ai giornalisti a Ginevra, in questo modo viene eliminata una possibile via di fuga per centinaia di migliaia di persone.

Le truppe dell’antiterrorismo irachene si stanno spingendo avanti all’interno della zona est di Mosul, ultima grande roccaforte sotto il controllo del sedicente Stato islamico in Iraq, mentre l’esercito e la polizia, insieme alle milizie sciite e ai combattenti curdi stanno circondando la città dagli altri fronti.

I jihadisti hanno ripiegato all’interno di Mosul dalle aree circostanti. Dopo i primi progressi dell’offensiva lanciata il 17 ottobre, l’avanzata dell’esercito e della coalizione internazionale a guida statunitense ha rallentato. I miliziani hanno utilizzato oltre un milione di civili come scudi umani e si muovono passando attraverso tunnel sotterranei della città, attaccando le truppe con kamikaze, cecchini e mortai.

— TUTTI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SULL’OFFENSIVA PER CACCIARE L’ISIS DA MOSUL

Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg