Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Due ragazzi gay italiani aggrediti all’uscita da una discoteca a Valencia

Immagine di copertina

Avvicinati, insultati e picchiati da una banda. La denuncia di Gay Center

Ragazzi gay italiani aggrediti a Valencia

Due ragazzi gay italiani sono stati aggrediti a Valencia, in Spagna, all’uscita da una discoteca. I due, Andrea, 19 anni, della provincia di Vercelli, e Luca, 25 anni, della provincia di Milano, sono stati avvicinati da un gruppo di ragazzi che li ha prima insultati, poi bloccati e picchiati. Una delle due vittime è rimasta ferita per terra. La scena è stata ripresa con uno smartphone da alcuni residenti della zona.

La denuncia di Gay Center

“Nella notte di ieri sera a Valencia all’uscita da una discoteca gay due italiani sono stati aggrediti anche con frasi offensive. Luca ha cercato di difendere l’amico Andrea e ha ricevuto pugni e calci anche sul viso riportando contusioni e ferite sul viso e sul corpo. Ci riportano i media locali che anche un’altra coppia straniera ha rischiato di essere aggredita dallo stesso gruppo, ma fortunatamente è riuscita a scappare su un taxi”. Lo denuncia Fabrizio Marrazzo, portavoce dell’associazione Gay Center e responsabile del servizio Gay Help Line.

“I ragazzi – continua Marrazzo – si sono rivolti al servizio di Gay Help Line 8007137173, e dopo essere stati soccorsi sporgeranno denuncia presso il consolato italiano. Chiediamo alla Farnesina di attivarsi per dare il massimo supporto ai ragazzi ed evitare che gli aggressori restino impuniti. Anche perché in Spagna dal 1995 c’è una legge contro l’omofobia e dal 2014 in Catalogna ci sono norme più specifiche”.

La situazione in Italia

Fabrizio Marrazzo, nel post su Facebook con cui ha condiviso il video in cui si vede l’aggressione ai due ragazzi omosessuali italiani in vacanza a Valencia, ha fatto un confronto tra Spagna e Italia per denunciare l’arretratezza della legislazione italiana riguardo alle aggressioni omofobe. “Come dichiarato nella nota di qualche giorno fa – ha scritto – quanto accaduto in Spagna accade quotidianamente in Italia, ma noi non abbiamo alcuna legge, la politica in Italia è assente”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”