Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una ragazza è stata messa all’asta e data in sposa su Facebook: social sotto accusa

Immagine di copertina

È accaduto in Sud Sudan. L'opinione pubblica contro l'azienda di Menlo Park, rea di non aver eliminato subito il post

Un uomo Sud Sudanese – stando a quanto riporta la CNN – avrebbe cercato di dare in sposa la propria figlia, mettendola all’asta su Facebook.

La ragazza, non ancora maggiorenne, sarebbe stata “contesa” da cinque uomini, alcuni dei quali sembrerebbero essere, oltretutto, alti funzionari del governo sudanese.

Gli attivisti e le associazioni per i diritti umani – tra cui Plan International – hanno già manifestato il loro sdegno e la loro preoccupazione, nel timore che un simile episodio possa spingere altri individui (di dubbia moralità) a utilizzare i social network per compiere azioni analogamente disdicevoli.

Dure le parole del Country Director di Plan International in Sud Sudan, George Otim, che ha affermato:

“Questo uso barbarico della tecnologia riporta alla mente la moderna tratta degli schiavi. Il fatto che oggi, in questa epoca, una ragazza possa essere venduta e data in sposa sul più grande social network al mondo va oltre ogni immaginazione“.

A tal proposito, il social di Menlo Park è stato subito messo sotto attacco dall’opinione pubblica, accusato di non aver preso provvedimenti rapidi e di aver consentito, quindi, che una giovane ragazza venisse venduta in sposa attraverso la piattaforma.

“Qualsiasi forma di traffico di esseri umani – se attraverso post, pagine, annunci o gruppi – non è consentita su Facebook”, ha affermato un portavoce della compagnia.

“Abbiamo rimosso il post e disattivato permanentemente l’account della persona che lo ha pubblicato” – ha poi aggiunto -. Lavoriamo costantemente per migliorare i metodi che utilizziamo per identificare i contenuti che violano le nostre politiche e abbiamo addirittura raddoppiato il personale del nostro team di sicurezza e protezione ad oltre 30.000 unità”, ha infine concluso.

L’asta sarebbe iniziata il 25 ottobre per terminare con la rimozione del post il 9 novembre, esattamente 15 giorni dopo. In questo arco di tempo il padre della ragazza avrebbe ricevuto in offerta 500 mucche, tre auto e 10.000 dollari in cambio della mano di sua figlia.

Purtroppo, la pratica delle spose bambine rimane ancora molto diffusa non solo in Sud Sudan, ma a livello globale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio