Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Era stata abusata fin da bambina, a 27 anni è diventata poliziotta e ha arrestato il suo aguzzino

Immagine di copertina

Il colpevole è stato inchiodato dalle registrazioni di un colloquio avuto con l'agente ed è stato condannato all’ergastolo per i crimini commessi quindici anni prima

Una ragazza che era stata vittima di abusi sessuali da parte di un familiare all’età di otto anni, è riuscita quindici anni più tardi a vedere il suo aguzzino dietro le sbarre, dopo essere diventata un’agente di polizia ed essere riuscita a registrare di nascosto la confessione dell’uomo.

Erlis Joseph Chaisson, 47 anni, è stato condannato da una giuria del Texas all’ergastolo per abuso sessuale aggravato su un minore e atti indecenti con un minore e non potrà fare richiesta di libertà vigilata per i prossimi 42 anni.

Chaisson ha abusato della vittima, che oggi è un’agente di polizia e ha 27 anni, per un periodo di quattro anni a partire da quando la ragazza aveva appena otto anni. É stato inoltre condannato per abusi su un altro bambino di otto anni in un caso separato venuto alla luce dopo l’arresto dell’uomo.

Tutto grazie alla vittima, che ha deciso di diventare poliziotta per essere sicura che l’aguzzino finisse dietro le sbarre. Dopo aver parlato con Chaisson al telefono, i due hanno fissato un appuntamento. Quello che l’uomo non sapeva è che la ragazza, il cui nome non è stato reso noto per ragioni legali, aveva con sé un registratore e un collega in un’auto parcheggiata vicino stava ascoltando il loro dialogo.

“L’uomo ha iniziato a parlare liberamente, come se si trovasse insieme al suo migliore amico”, ha raccontato la donna a un giornale americano. Durante la registrazione sono emersi tutti gli abusi di cui la ragazza è stata vittima, dalla masturbazione al sesso orale passivo. 

Insensibile, Chaisson durante l’intera conversazione ha negato qualsiasi colpa, sostenendo di “essersi fermato prima di spingersi troppo oltre” e biasimando la ragazza, all’epoca ancora una bambina, per averlo provocato sessualmente. Un comportamento che indubbiamente ha aggravato la posizione dell’uomo, quando le registrazioni sono state riprodotte in aula.

La ragazza ha spiegato che dopo aver tenuto con se questo “oscuro e profondo segreto”, mentre stava frequentando la scuola di polizia ha pensato: “Il mio lavoro sarà quello di proteggere le persone, ma come potrò farlo se non sono in grado di proteggere nemmeno me stessa?”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Esteri / Germania: via libera dal Bundestag alla liberalizzazione della cannabis
Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Esteri / Germania: via libera dal Bundestag alla liberalizzazione della cannabis
Esteri / È nata un’app di incontri riservata a persone molto benestanti: come funziona “Score”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: “Lanceremo una nuova controffensiva”
Esteri / Spagna, incendio brucia un mega-condominio a Valencia: 4 morti, 14 feriti e 14 dispersi
Esteri / Israele, Netanyahu presenta il suo “Piano per il dopo Hamas” a Gaza. Ecco cosa prevede
Esteri / Israele chiede all'Onu di intervenire contro Hezbollah, "o lo faremo noi". Germania: vittime palestinesi denunciano il cancelliere Scholz per "complicità in genocidio"
Esteri / I Paesi Baltici annunciano un’area di difesa comune, Grigore-Kalev Stoicescu a TPI: “Siamo pronti a difenderci dalla Russia”
Esteri / Due anni di guerra e un’America sempre più lontana: l’Europa è al bivio